28/05/2018variabile

29/05/2018possibile temporale

30/05/2018possibile temporale

28 maggio 2018

Treviso

Volo basso e tetto danneggiato, Ryanair dovrà risarcire la famiglia di Quinto

La corte d'Appello ha respinto il ricorso della compagnia aerea Ryanair

Isabella Loschi | commenti |

TREVISO - Nessuna sospensiva concessa, Guido Favaro di Quinto dovrà essere risarcito immediatamente. La corte d'Appello di Venezia ha rigettato la richiesta di sospensione dell'esecutività della sentenza dei Tribunale di Treviso impugnata da Ryanair in relazione alla richiesta di 25mila euro di danni da parte di Guido Favaro, che nel 2009 aveva fatto causa alla compagnia aerea per i danni subiti al tetto della sua abitazione a casa del passaggio troppo basso di un aereo della compagnia irlandese.

A renderlo noto è la società trevigiana Obiettivo Risarcimento, leader nazionale sul fronte del recupero dei danni a persone e cose. “Succede – spiega il presidente della società Obiettivo Risarcimento, Roberto Simioni (nella foto) – esattamente quello che ci aspettavamo: adesso la compagnia deve comunque pagare il danno a cui, lo ricordo, si vanno sommare gli interessi e, come si evince dalla sentenza della Corte D'Appello, anche una sanzione di 500 euro. Utile ricordare che la richiesta fatta dai legali di Ryanair di sospensione del pagamento del danno in seguito al ricorso non interrompe l'obbligo di saldare il debito che quindi va sanato immediatamente". 

“Ora non ci sono più scuse - dichiara Guido Favaro - pretendo il pagamento con tutti gli interessi e non aspetterò più di tre giorni. Per quanto mi riguarda considero Ryanair del tutto inadempiente".

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×