15/10/2018variabile

16/10/2018coperto

17/10/2018nuvoloso

15 ottobre 2018

Treviso

Volto coperto e pistole: rapinata la sala slot del centro

Colpo alla Admiral di via Fra’ Giocondo, in azione due malviventi

commenti |

sala slot Admiral Club

TREVISO - Rapina alla sala slot Admiral Club, in pieno centro a Treviso. Nella notte tra mercoledì e giovedì, verso l’una e mezza, una coppia di banditi è entrata nel locale di via Fra' Giocondo con il volto coperto e armati di pistole, molto probabilmente finte.

I due rapinatori hanno minacciato con le armi il gestore della sala slot e si sono fatti consegnare l'incasso della serata. In quel momento erano presenti all’interno del locale tre clienti che non si sono tuttavia accorti di quanto stava avvenendo. I banditi sono poi fuggiti a piedi facendo perdere le proprie tracce. Sull'episodio indaga ora la squadra mobile della polizia che ha acquisito le immagini delle telecamere di videosorveglianza della sala slot e degli occhi elettronici presenti in centro storico. Si tratta del secondo colpo di questo tipo, dopo quello alla sala slot di Susegana. Il copione sembra alo stesso.

Questa mattina il sindaco Giovanni Manildo ha chiamato il Questore di Treviso Maurizio Dalle Mura: “Mi auguro che gli autori di questo gesto vengano al più presto assicurati alla giustizia – è il commento del sindaco – Ho avuto rassicurazioni da parte del Questore sulle attività di ricerca della coppia: un’indagine interforze che coinvolge anche la nostra polizia locale che darà supporto attraverso l’analisi dei filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza del Comune”.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×