24/10/2017sereno

25/10/2017velature sparse

26/10/2017sereno con veli

24 ottobre 2017

Vittorio Veneto

VUOLE FARLA FINITA, SI GETTA NEL MESCHIO

La donna è stata salvata da alcuni passanti. A Croda Rossa un 67enne precipita in una scarpata

commenti | (4) |

VITTORIO VENETO – Una donna 49enne questa mattina, martedì, ha tentato di farla finita gettandosi nelle acque del Meschio a Vittorio Veneto.

Fortunatamente, però, dei passanti l’hanno vista e l’hanno tratta in salvo all’altezza di via Lungo Meschio.

Gli stessi passanti poi hanno chiamato il 118 ed i vigili del fuoco. La donna, da tempo in cura psichiatrica, è stata quindi trasportata in ospedale a Conegliano. Non versa in gravi condizioni.

Poco prima, sempre nella zona di Vittorio Veneto, in via Croda Rossa, è stato salvato anche un anziano F. B. 67 anni che era precipitato per una ventina di metri in una scarpata mentre stava cercando asparagi selvatici.

Per recuperarlo sono intervenuti l’elicottero del 118 ed il soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane. Se l’è cavata con una frattura al femore.

 

Commenta questo articolo


Una delle più grandi consolazioni di questa vita è l'amicizia, e una delle consolazioni dell'amicizia è avere qualcuno a cui condividere un segreto o una gioia, ma anche una disperazione. Ebbene, io credo che non vi sia niente di più gioioso e umano di condividere l'amicizia. Perciò umilmente e con molta discrezione(come si conviene a un vero amico) oso offrire la mia inconcussa e modesta amicizia a tutti coloro che la vorranno. Mi firmo. Paolo Dotta e lascio il mio recapito telematico per tutti quelli che vorranno contattarmi. p.dotta@virgilio.it - Abito a Bologna, ma sono nativo di Vittorio Veneto, dove conservo ancora la mia casa natia, e dovo trascorro tutti i miei giorni liberi da impegni di lavoro.

segnala commento inopportuno

le' isituzioni, che dovrebbero, aiutare, in questo momento di crisi economica, e dare qualke input, iniziativa, stimolo, x la crescita economica, invece niente, sanno solo far cassa, postare nuovi autovelox, fissi e mobili, x poi dire, che servono x fare prevenzione, questo e il federalismo, che si fanno x conto loro x rinpinguare le casse dei comuni. x fare multe x fare cassa hanno tutti gli strumenti, pero'x fare qualcosa x smuovere l' economia, anke nell limite dell possibile, li non possono, perke sono vincolati, e non hanno gli strumenti, x poterlo fare.quello che non sopporto, di essere preso, x i fondelli dalle isituzioni, perke' si sentono intoccabili, posto statale fisso, e protetti. ma' dovra' finire prima o poi questo. poi dicono siamo dalla parte dell cittadino, behh c'e ne sarebbe da' discutere qui, altro che dalla parte dell cittadino, il bello e che sono legalizzati, oltre il danno la beffa.con la loro mentalita' arretrata, burocrate, scaricabarile, e menefreghismo verso il prossimo.

segnala commento inopportuno

se invece di vomitare sentenze ti informassi, capiresti, nel caso specifico che le cose stanno diversamente e che la crisi non centra una beata mazza.
se un(a)le mat, le mat e basta

segnala commento inopportuno

...fare confusione.
O si parla di disagio mentale, o di asparagi, o di 118.
Riassumere in poche righe due notizie completamente diverse e legate solo da un intervento dell'elisoccorso, dà solo l'imbeccata per commenti troppo leggeri e pressapochisti.
Il mio è un suggerimento, sono stanco delle chiacchiere da bar.

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento

immagine della news

27/03/2017

Povero Meschio!

Lo stato di salute del fiume, dopo l'installazione dell'ennesima centralina

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×