16/10/2018pioviggine

17/10/2018pioggia debole

18/10/2018quasi sereno

16 ottobre 2018

Cronaca

Vuole uccidere la ex, le punta il grilletto contro ma il colpo non esplode

commenti |

Ha puntato la pistola alla tempia della ex compagna con cui voleva riprendere la relazione sentimentale ed ha premuto anche il grilletto ma il colpo non è stato esploso. E' successo a Matera e questo episodio ha portato alla luce l'incubo di una donna, perseguitata dall'uomo che aveva lasciato da tempo e che la opprimeva per tornare insieme.

 

Così un 50enne di Matera, con precedenti penali, è stato arrestato dalla Polizia per atti persecutori in esecuzione di una misura cautelare con custodia in carcere, firmata dal Tribunale di Matera su richiesta della locale Procura a seguito di indagini condotte dall'Ufficio Volanti e dalla Squadra Mobile. Nella ricostruzione della vicenda sono emerse continue e reiterate aggressioni fisiche nonché ripetute minacce, molestie e ingiurie, per costringerla a ritornare con lui, sino al grave episodio avvenuto nel veicolo dell'uomo.

 

Al rifiuto della donna di riprendere la relazione, l'uomo l'ha aggredita fisicamente, l'ha minacciata di morte puntandole contro una pistola che teneva nascosta nel giubbotto. Poi ha premuto il grilletto ma il colpo non è esploso. Subito dopo, l'uomo ha spinto la donna con violenza fuori dall'auto, facendola rovinare sull'asfalto.

 

Già in una precedente occasione l'aggressore l'aveva minacciata con una pistola, entrando in casa della donna. Durante la relazione sentimentale, inoltre, la donna era stata vittima di un pestaggio che la costrinse a ricorrere alle cure dell'ospedale. In esecuzione della misura cautelare, durante una perquisizione la Polizia ha trovato una pistola scacciacani, ritenuta l'arma con cui la donna è stata minacciata.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×