24/05/2019parz nuvoloso

25/05/2019variabile

26/05/2019variabile

24 maggio 2019

Cronaca

Weekend con l'anticiclone

commenti |

Il caldo bussa alle porte. In questi giorni l'Italia sta facendo i conti con una vasta area di alta pressione nord africana che non solo dispensa bel tempo, ma porta le temperature massime su valori piuttosto miti per la stagione. Il team del sito www.iLMeteo.it avvisa che nell'immediato futuro, a parte la prevista parentesi fredda e instabile che oggi colpirà alcune zone del Sud, non ci saranno altri importanti cambiamenti su scala generale.

Anzi, proprio a cavallo dell'imminente weekend, l'alta pressione non solo avvolgerà con il suo alito caldo tutto il Paese, ma prenderà ulteriormente energia regalando su molte zone del Paese un mite e tranquillo fine settimana. Tuttavia ci saranno alcune eccezioni.

Purtroppo, la forte capacità delle alte pressioni di comprimere l'aria nei bassi strati, è all'origine di fenomeni anche pericolosi. In primo luogo le nebbie le quali, proprio fra sabato e domenica, tenderanno sempre più a disturbare le aree pianeggianti del Nord a tratti anche fino alle ore centrali del giorno. Tuttavia, il pericolo maggiore, riguarderà ovviamente le ore notturne quando la visibilità potrà ridursi fino a pochi metri.

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it comunica che il ristagno dell'aria negli strati bassi dell'atmosfera, non è solo causa delle nebbie. C'è un altro grave pericolo che incombe sulle nostre pianure: l'inquinamento. Col passare dei giorni infatti, anche a causa della totale assenza di un adeguato ricambio dell'aria, molte città del centro nord dovranno fare i conti con un ulteriore aumento dei gas inquinanti.

Nelle città come Torino, Milano, Bologna, Firenze e Roma, i livelli di inquinamento torneranno alle stelle provocando i soliti problemi e i consueti e insidiosi rischi per la salute, specie ad anziani e bambini. Il direttore annuncia in anteprima un possibile cambio di rotta a partire da domenica 24 febbraio, quando aria gelida di origine siberiana potrebbe fare irruzione sull'Italia.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×