22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

22 luglio 2018

Treviso

Zaia presenta la sua lista: "Trevigiani non sbagliate una seconda volta"

Presentato il simbolo della civica del governatore e Sceriffo

Isabella Loschi | commenti |

Zaia, Gentilini, Conte,

TREVISO - Il logo rosso e oro, con gli stessi colori della Regione, e i nomi in maiuscolo di Zaia e Gentilini. In mezzo, più in piccolo quello di Mario Conte. E’ il logo della lista Zaia-Gentilini a sostengo del candidato del centrodestra. La lista che ha fatto più discutere nei mesi scorsi, è stata presentata ai trevigiani sabato, a porta San Tomaso, tra il via vai di gente che affollava la zona mercato.

Capolista sarà proprio lo Sceriffo Gentilini che dal palchetto davanti al Bottegon ha annunciato: “L’orologio delle torre segna la mezzanotte, è finito il tempo della dittatura bolscevica, l’alba porterà il sole delle Alpi a scaldare la nostra città. Voi cittadini - ha continuato - avete l’arma micidiale, da usare come un pugnale per infliggere un colpo alla sinistra. Non dovete più sbagliare. Consegno il mio Vangelo “Dio, patria e famiglia; ordine, disciplina e rispetto delle regole; prima noi altri e dopo che altri” al candidato Mario Conte”.

Zaia, vero protagonista della giornata, acclamato dal pubblico, parla di “tolleranza doppio zero”: “Le donne devono uscire senza preoccuparsi di venir prese di mira, a qualsiasi ora. Con noi i 90 vigili del Comune non multeranno cittadini e negozianti ma controlleranno a tappeto gli immigrati e chi non è in regola subito a casa”. Infine l’appello ai cittadini del candidato Mario Conte: “Il 10 giugno non andate al mare, andiamo tutti a votare per riprenderci Treviso”.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×