25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Esteri

Zara, sulle etichette dei vestiti spuntano biglietti: "Non ci pagano"

commenti |

ISTANBUL -“Il capo che state comprando l’ho fatto io, ma non sono stato pagato”. E’ il biglietto comparso sui cartellini dei capi in vendita in diversi store di Zara a Istanbul, trovato da alcuni clienti.

Una richiesta d’aiuto scritta a mano che arriva dai lavoratori dell’azienda tessile Bravo Tekstil, che ora sta facendo il giro del mondo. La fabbrica lavorava come terzista, con gli appalti delle multinazionali dell’abbigliamento e nel luglio del 2016 ha chiuso i battenti senza preavviso, lasciando a casa 155 dipendenti senza pagargli gli stipendi arretrati. La notizia è stata diffusa dall'Associated Press ed è rimbalzata su tutti i siti internet.

La Inditex, azienda che comprende Zara, Bershka, Pull and bear, Oysho fra gli altri, fa sapere di aver adempiuto tutti i suoi obblighi contrattuali con Bravo Tekstil e che in questo momento sta lavorando con IndustriALL, Mango e Next per creare un fondo per aiutare i lavoratori colpiti dalla scomparsa fraudolenta del proprietario della fabbrica Bravo che coprirebbe le retribuzioni non ricevute, le indennità, le vacanze maturate e i compensi dei lavoratori che erano assunti al momento dell'improvvisa chiusura di questa fabbrica nel luglio 2016. 

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×