05 aprile 2020

Castelfranco

“Mio padre è sepolto a un metro da questo schifo”

Una signora di Castelfranco lamenta le precarie condizioni igieniche dei bagni al cimitero di Treville/Sant’Andrea

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Bagni al cimitero di Treville/Sant’Andrea

CASTELFRANCO – Al cimitero di Treville/Sant’Andrea i bagni, tra l’altro rinnovati di recente, sono in condizioni igieniche tutt’altro che ottimali, complice anche un’apertura sul tetto da cui entrano i piccioni che poi “depositano dei ricordini" nell’edificio. La situazione non è passata inosservata e diversi cittadini hanno lamentato questo stato di cose.

Inevitabilmente la discussione è arrivata anche ai social dove si legge: “Cimitero di Treville/S.Andrea... è lodevole l'idea di attrezzare anche il cimitero di bagni nuovi, compreso quello per disabili (credo ci sia una legge in proposito), ma sarebbe utile pensare a un servizio di pulizie adeguato. Da un mese, mio padre è sepolto a un metro di distanza e la situazione è sempre uguale, compreso lo scarico del water che perde”.

La signora però spiega anche quali sono le ragioni della sporcizia che regna nei nuovi bagni: “Il soffitto è aperto (per arieggiare probabilmente) ma permette agli uccelli di entrare e fare i loro bisogni dove capita rendendo così un servizio igienico poco igienico. Se a questo ci aggiungiamo la maleducazione di alcuni utenti che si lamentano dello sporco e sono i primi che lasciano in giro bottiglie d'acqua dove capita e altro”.

Una segnalazione civile e comprensibile visto che si tratta di un luogo dove molti vanno a fare visita ai loro cari che non ci sono più. Le immagini parlano chiaro non solo i volatili lasciano “ricordini” ma dall’apertura sul tetto entrano pure foglie. Ineccepibile e degno di nota che le istituzioni pubbliche abbiano pensato di creare dei bagni ben attrezzati all’interno del cimitero ma occorre mantenerne il decoro e provvedere a pulizie e manutenzioni costanti, visto che ad esempio guasti banali come uno sciacquone rotto alimentano anche lo spreco.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×