03 giugno 2020

Castelfranco

“Non limitare i provvedimenti di sostegno alle sole zone rosse”

Economia asolana in ginocchio per il virus: il sindaco Migliorini scrive a Conte

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Municipio di Asolo

ASOLO – L’emergenza Coronavirus sta avendo gravi ripercussioni nell’economia dell’Asolano da qui la decisione del sindaco della città dai cento orizzonti, Mauro Migliorini, di scrivere un appello per chiedere un sostegno anche al suo territorio. Destinatari della missiva il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il l Ministro dell'Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri e il Presidente della regione del Veneto Luca Zaia.

Le ripercussioni economiche legate all'emergenza sanitaria non sono limitate solo alle zone rosse, ma stanno colpendo pesantemente imprese e comparti in molte altre aree – scrive Migliorini -. Per un Comune a forte vocazione turistica, culturale ed enogastronomica come la Città di Asolo, la situazione si sta facendo sempre più insostenibile: attività ricettive che registrano disdette fino all'estate, pubblici esercizi ed esercizi commerciali vuoti, attività agricole in difficoltà a commercializzare i propri prodotti, piccole e medie imprese costrette a sospendere la propria attività per cancellazione di commesse o perché prive di materie prime e componentistica con conseguente utilizzo della cassa integrazione per i dipendenti”.

A fronte della situazione venutasi a creare il Sindaco di Asolo chiede al Governo: “Che venga sostenuta la necessità che le risorse e i provvedimenti che verranno assunti per contrastare l'impatto dell'emergenza sul sistema produttivo ed a sostegno di settori strategici come turismo, commercio, cultura, agricoltura e terziario non siano limitati alle sole zone rosse ma tengano conto degli altri territori coinvolti e colpiti dall'epidemia”.

La previsione di perdita delle presenze in primavera è pari al 70-80% con una proiezione negativa di disdette e cancellazioni fino alla stagione estiva inoltrata. Oltre al turismo e commercio si registra un calo del 40% delle vendite nel settore industriale: “Si tratta di un'emergenza che sta mettendo in ginocchio un'intera Regione – conclude il sindaco - e non possiamo permetterci di rimandare decisioni e scelte fondamentali per la sopravvivenza del territorio. Questo è un messaggio al Governo e all'Europa”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×