26 gennaio 2021

Oderzo Motta

Anna Maria, 76 anni, scrive una poesia sul Coronavirus: "È un grido di speranza"

L'ha scritta un'ospite della Casa Tomitano Boccassin di Motta di Livenza "in attesa di riabbracciare la vera vita"

|

|

Anna Maria, 76 anni, scrive una poesia sul Coronavirus:

MOTTA DI LIVENZA - Scrive una poesia sul Coronavirus, lei è un’ospite della Casa Tomitano Boccassin di Motta.

Anna Maria ha 76 anni, da sempre è interessata alla poesia e ha scriutto di suo pugno un testo in cui descrive con lucidità e precisione il momento vissuto dal punto di vista di chi vive in una Rsa.

Si spiega dalla Casa: «Questi mesi che stiamo vivendo passeranno sicuramente alla storia, per i più svariati e al tempo stesso drammatici motivi. Chissà cosa si racconterà un domani di questi “giorni di Coronavirus”. Le battaglie quotidiane dei medici, che si scontrano con un nemico letale ed invisibile, o forse la nostra inerte condizione di quarantena».

La nota continua: «Così, mentre facciamo i conti con una nuova routine, in attesa di riabbracciare la “vera vita”, alcuni tra noi tentano di trovare parole per descrivere ciò che sta avvenendo. Prendono così spazio i poeti e i loro versi».

Ed ecco la composizione di Anna Maria, residente presso Casa Tomitano Boccassin e da sempre interessata alla poesia, ha composto un brano che è un po’ «un grido di speranza ma soprattutto un anelito per un ritorno ad una libertà mancante ormai da troppo tempo».
 

Questa la poesia di Anna Maria

 

 



Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×