25 ottobre 2020

Politica

Armenia-Azerbaigian, ultimatum da Baku

Almeno 31 militari dell'autoproclamata Repubblica del Nagorno Karabakh sono morti da domenica

|

|

Armenia-Azerbaigian, ultimatum da Baku

ESTERI - Il ministero della Difesa dell'Azerbaigian ha lanciato un ultimatum all'Armenia, annunciando una rappresaglia che continua ad attaccare gli insediamenti civili. "Il ministero della Difesa dà l'ultimo avvertimento all'Armenia. Se necessario verranno prese adeguate misure di ritorsione", si legge in una nota.

Almeno 31 militari dell'autoproclamata Repubblica del Nagorno Karabakh sono morti da domenica a causa dell'escalation delle ostilità tra i due Paesi in questa regione di confine nel Caucaso meridionale. Il presidente del Nagorno Karabakh, Araik Arutiunián, ha riferito domenica attraverso la sua pagina Facebook che "dozzine" di militari sono stati uccisi o feriti. "Ci sono dozzine di feriti tra la popolazione civile, e ci sono anche morti", ha aggiunto.

Arutiunián ha riferito che l'Azerbaijan aveva utilizzato per la sua offensiva "caccia F-16 turchi", arrivati ​​nel Paese "un mese fa" con "il pretesto di partecipare ad alcune esercitazioni". Sebbene Arutiunián inizialmente non abbia specificato il numero di soldati uccisi, il ministero della Difesa del Nagorno Karabakh ha aggiornato il numero delle vittime per tutta domenica notte, pubblicando l'identità dei soldati deceduti, secondo quanto riporta la stampa armena.

A seguito dell'emergenza, sia le autorità del Nagorno Karabakh che il primo ministro dell'Armenia, Nikol Pashinyan, hanno decretato la legge marziale e una mobilitazione generale. "Il regime autoritario" del presidente azerbaigiano Ilham Aliyev "ha ripreso le ostilità. Ha dichiarato guerra al popolo armeno", ha detto Pashinyan. Da parte sua, l'Azerbaigian ha riferito domenica di attacchi da parte dell'esercito armeno contro le sue installazioni militari nella regione, così come contro i civili, sebbene non sia ancora stato determinato il numero di vittime e feriti.

Armenia e Azerbaigian si battono per questo territorio, a maggioranza etnica armena, dall'inizio del secolo scorso, ma è stato dopo la caduta dell'Unione Sovietica che tra il 1991 e il 1994 si è verificata una guerra tra i due paesi. Circa 30.000 persone morirono prima che nel 1994 fosse decretato un cessate il fuoco, che da allora è stato interrotto. Al termine del conflitto, l'Armenia, che sostiene il diritto all'autodeterminazione del Nagorno Karabakh, ha preso il controllo dell'area, occupando alcuni territori dell'Azerbaigian, il che subordina l'eventuale cessazione delle ostilità al ritorno di queste aree.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha chiesto domenica la cessazione "immediata" delle ostilità nella regione e il ritorno "senza indugio ai negoziati". Guterres ha condannato l'uso della forza e si è rammaricato per le recenti perdite umane, ha detto il suo portavoce, Stephane Dujarric, che ha annunciato che il segretario generale parlerà nelle prossime ore "sia con il presidente dell'Azerbaigian che con il primo ministro dell'Armenia. "per affrontare l'emergenza. Il Segretario generale ha ribadito "il suo pieno appoggio all'importante ruolo del Gruppo di Minsk" dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), il forum internazionale che dal 1992 si occupa di una soluzione pacifica del conflitto.

Da parte loro, anche gli Stati Uniti, uno dei paesi che fa parte del gruppo di Minsk, hanno condannato "con la massima fermezza" questi ultimi episodi. Il Dipartimento di Stato americano ha riferito che il sottosegretario Stephen Biegun ha contattato i ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian "per sollecitare entrambe le parti a cessare immediatamente le ostilità". "Esortiamo le parti a collaborare con il gruppo di Minsk per riprendere i negoziati il ​​prima possibile", ha affermato in una dichiarazione il Dipartimento di Stato Usa.

I pesanti combattimenti fra Azerbaigian e Armenia si sono protratti tutta la notte. Le forze armene hanno bombardato la città di Tartar, al confine con l'enclave contesa. Il Nagorno Karabakh ha denunciato che 32 persone sono state uccise ieri negli scontri con le forze azere, fra soldati e due civili. Cento persone sono state ferite. Già ieri, primo giorno di combattimenti, sono stati dispiegati da entrambe le parti elicotteri, droni, carri armati e pezzi di artiglieria nel teatro dei combattimento.

"Siamo sull'orlo di una vera e propria guerra nel Caucaso del Sud", ha denunciato il Premier armano Nikol Pashinian, accusando Baku di aver avviato un attacco pianificato in precedenza. Sia Armenia che Azerbaigian hanno introdotto la legge marziale e ordinato la mobilitazione totale. Baku rivendica il controllo di sette villaggi del Nagorno e il 'premier' di fatto della regione, Arayik Harutiunian, ha ammesso la perdita di alcune posizioni nel sud. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha assicurato il suo sostegno all'Azerbaigian, accusando l'Armenia di essere "la maggiore minaccia alla pace e alla calma nella regione".

Pashinian ha chiesto ai Paesi della comunità internazionale di prevenire l'interferenza della Turchia nel conflitto. A metà agosto, Turchia e Azerbaigian hanno condotto manovre militari congiunte di due settimane e secondo alcuni osservatori la Turchia potrebbe aver lasciato nella regione equipaggiamenti militari o perfino un contingente di forze.
 

 



vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×