29/11/2021poco nuvoloso

30/11/2021sereno

01/12/2021pioviggine e schiarite

29 novembre 2021

Atletica

Altri Sport

Atletica, Tamberi sabato in pedana per gli Europei a squadre

L’altista di Atl-Etica San Vendemiano, argento lo scorso inverno nella rassegna continentale di Torun, riprende il cammino verso l’Olimpiade di Tokyo, facendo il debutto stagionale a Chorzow

|

|

Atletica, Tamberi sabato in pedana per gli Europei a squadre

CONEGLIANO - L’avevamo lasciato a Torun a festeggiare, con il tricolore in mano, uno splendido argento ai Campionati Europei indoor.

Lo ritroviamo poco meno di tre mesi dopo, sempre in Polonia, a Chorzow, dove sabato 29 e domenica 30 maggio l’Italia sarà impegnata nella Super League dei Campionati Europei a squadre.

Per Gianmarco Tamberi - atteso in pedana sabato 29 maggio alle 17 - la sfida con Polonia, Germania, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Portogallo rappresenterà l’esordio stagionale all’aperto. La gara di rientro dopo un inverno in cui il fuoriclasse di Atl-Etica San Vendemiano è tornato a saltare 2.35 come non accadeva da cinque stagioni e ad inserirsi tra i migliori altisti al mondo.

“Il ‘must’ è portare a casa il primo posto – ha dichiarato Gimbo a Fidal.it - quando si gareggia con la Nazionale agli Europei a squadre è quello l’obiettivo. Ottenere tanti punti, essere pronti per dare il massimo, e non abbassare la guardia nonostante il livello del salto in alto non sia elevatissimo”, riflette l’azzurro, che tra i partecipanti è l’unico con un personale di almeno 2.30. “Da Torun a oggi, eccezion fatta per le prime due settimane di Covid, ho lavorato molto bene, sono riuscito a mettere a punto la parte tecnica e consolidare quanto fatto in inverno”.

Dopo gli Europei a squadre, il 10 giugno Tamberi sarà in pedana al Golden Gala di Firenze, tappa italiana della Diamond League. “Lì – ha proseguito il primatista italiano - incontrerò gli avversari più forti del mondo, con Barshim, Nedasekau e Ivanyuk sarà una gara di altissimo livello, una grande prova in vista delle Olimpiadi. Il livello del salto in alto si è alzato, i rivali per i Giochi sono tanti ma credo che i più pericolosi restino loro tre, e ci metto anche Akimenko.

Per il 10 giugno spero di aver trovato le giuste sensazioni, è il test finale di questo primo ciclo di quattro gare che dopo Chorzow proseguirà a Samorin il 2 giugno, a Hengelo il 6 giugno e poi appunto a Firenze”.

Durante l’inverno, con la maglia di Atl-Etica San Vendemiano, Tamberi ha ritrovato la miglior forma, tornando sui livelli che gli competono. “Ho trovato una condizione tecnica che non riuscivo a tirar fuori da anni. Le indoor mi hanno aiutato tantissimo, ho superato misure che mi mancavano da anni, tornando a un salto più mio, più naturale, meno costruito. Mi è stata utile la beffa d’argento di Torun? Beh, non mi sarei accontentato nemmeno se avessi vinto l’oro. Però certamente aiuta più perdere che vincere”.

In fondo alla pedana, adesso, c’è Tokyo. “Ci penso tutto il giorno, e in modo diverso a seconda di come mi sveglio: ogni tanto prevale l’entusiasmo e la felicità, altre volte mi rimprovero che qualcosa potesse essere fatta meglio. È un pensiero bello ma avverto anche tanta pressione: l’inizio delle gare darà la scossa per entrare definitivamente in clima olimpico”.

A fare il tifo, anche questa volta, tutta Atl-Etica San Vendemiano, che si sta anche preparando per l’edizione 2021 del meeting internazionale abbinato al 2° memorial prof. Ivo Merlo, in programma domenica 6 giugno a Vittorio Veneto.

Foto di Gianmarco Tamberi nella finale degli Europei indoor di Torun (credito COLOMBO/FIDAL)

 

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×