02 luglio 2020

Treviso

Blitz dei carabinieri contro la banda del bancomat: cinque arresti

Operazioni dei militari di Treviso. Perquisizioni in Veneto, Toscana e Liguria

|

|

campo nomadi

TREVISO - I carabinieri di Treviso hanno sgominato una banda specializzata in assalti a bancomat di banche e uffici postali, eseguendo cinque arresti e 14 perquisizioni tra Veneto, Toscana e Liguria.    

 

I provvedimenti sono stati emessi dalla procura di Padova a conclusione di un'inchiesta avviata lo scorso febbraio durante la quale è stato accertato il coinvolgimento degli indagati nei 'colpi' nelle province di Firenze, Pisa, La Spezia, e Massa Carrara.    

 

La maggior parte delle misure cautelari sono state eseguite tra Treviso e Pistoia. Le accuse sono, a vario titolo, di furto aggravato, riciclaggio, detenzione e porto d'armi da fuoco ed esplosivo.

Nel corso delle operazioni è stata arrestata anche la compagna di uno degli indagati, che dovrà scontare oltre sei anni di reclusione per numerosi furti aggravati in abitazione ai danni di anziani, commessi dal gennaio del 2014 ad agosto del 2017 nelle province di Padova e Udine.

 

I componenti della banda sono ritenuti responsabili di furti pluriaggravati, alcuni consumati altri solo tentati, utilizzando congegni esplosivi e prendendo di mira bancomat di banche ed uffici postali nelle province di Firenze, Pisa, La Spezia e Massa Carraro, che hanno fruttato nel complesso un bottino di circa 250mila euro in contanti.

 

L’ordinanza di custodia cautelare, in particolare, è stata emessa in relazione a tre assalti a bancomat avvenuti a fine febbraio in provincia di Firenze. Le basi del gruppo erano in provincia di Treviso e di Pistoia, dove potevano contare su garage ed alloggi nascondendosi quando le forze dell’ordine facevano scattare le ricerche a seguito dei colpi.

 

(Nelle immagini campi nomadi sorvolati dall'elicottero dei carabinieri)

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×