12 agosto 2020

Nord-Est

Bloccato a terra da agenti durante l’arresto, la Questura: “Nessun abuso e nessuna violenza”

|

|

Bloccato a terra da agenti durante l’arresto, la Questura: “Nessun abuso e nessuna violenza”

VERONA - Bloccato a terra durante l'arresto da due agenti di Polizia, mentre l'uomo si lamenta per il dolore. Sono le immagini di un video su Repubblica.it che documentano l'arresto a Verona di un 46enne, in stato di ebbrezza, che aveva opposto resistenza. "Nessun abuso e nessuna violenza - precisa la portavoce della Questura - gli operatori si sono comportati in modo corretto e ineccepibile".

 

La persona arrestata - precisa la Questura - sta bene e non ha riportato alcuna conseguenza fisica. Il fatto documentato nel video è avvenuto due giorni fa a Verona, verso le 18, in via Monreale. Le volanti erano intervenute su richiesta dei titolari di un bar, perché un uomo già in stato di alterazione da psicofarmaci e da alcol continuava a pretende dai baristi che gli venissero serviti altri alcolici.

 

Alla richiesta dei documenti - è la ricostruzione della Questura -, il 46enne ha prima inveito contro i poliziotti, poi si è scagliato contro di loro cercando, spalleggiato da altri due avventori del bar, di sottrarre loro le manette. A quel punto è stato bloccato a terra e arrestato. Il suo comportamento violento, spiega la polizia, è proseguito anche a bordo della volante, danneggiando i vetri, e nei locali della Questura.

 

Il 46enne, con un precedente sempre per resistenza a pubblico ufficiale, è comparso stamane davanti al giudice per il rito direttissimo. Il Gip ha convalidato l'arresto e fissato l'udienza al prossimo dicembre. Il sindacato di Polizia Siulp nega similitudini tra l'arresto dell'uomo bloccato a terra dagli agenti a Verona e i casi di violenze dei poliziotti documentati negli Usa.

 

"Questa vicenda non c'entra assolutamente nulla con i casi di violenza negli Stati Uniti. L'uomo non è mai stato bloccato al collo, ma alle mani e ai piedi per evitare che aggredisse gli agenti, e che si facesse del male con atti di autolesionismo" afferma Davide Battisti, segretario del Siulp provinciale. "I colleghi - aggiunge - hanno agito in modo ineccepibile, applicando i moduli previsti dal nostro Dipartimento".

 



vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×