21/01/2022poco nuvoloso

22/01/2022velature lievi

23/01/2022sereno

21 gennaio 2022

Esteri

Boston, Obama: ''E' un atto di terrorismo''

Una bomba era in una pentola a pressione

|

|

Boston, Obama: ''E' un atto di terrorismo''

BOSTON - E' di 3 morti e 176 feriti, tra cui 9 bambini il bilancio dell'attentato di ieri alla Maratona di Boston. I medici sono stati costretti ad effettuare dieci amputazioni per la gravità delle ferite riportate da alcune persone. Lo ha reso noto la Cnn, precisando che tra i feriti 17 si trovano in "condizioni critiche".

Un ufficiale delle forze di sicurezza che partecipa alle indagini sull'attentato, si legge sul sito della Cnn, ha riferito che una delle due bombe esplose era stata messa in una pentola a pressione nascosta in uno zaino. Per l'attentato, rende ancora noto la Cnn citando fonti legate all'inchiesta, è "probabile, ma non certo" che sia stato usato un congegno ad orologeria.

Quello di Boston "è stato un atto di terrorismo", ha detto il presidente americano Barack Obama, che ha invitato gli americani a segnalare alle autorità ogni fatto sospetto. Servirà tempo per trovare i responsabili, ma "li troveremo", ha aggiunto il presidente. "Ogni volta che vengono usate bombe per prendere di mira civili innocenti, è un atto di terrorismo", ha detto Obama, che ha parlato anche di atto "vile e atroce".

''Non sappiamo ancora chi ha organizzato l'attentato, e perché lo ha fatto'', ha ammesso. ''Sappiamo che sono esplose delle bombe, che hanno provocato gravi danni, non sappiamo chi lo ha fatto, non sappiamo se è stata un'organizzazione o un individuo, o più individui'', ha affermato il presidente assicurando che mano a mano che l'Fbi raccoglierà più informazioni saranno messe a disposizione degli americani.

L'agente dell'Fbi, incaricato delle indagini, Rich Deslauriers, nel corso della conferenza stampa sull'attentato, ha assicurato: "Non vi è nessuna altra minaccia". "Seguiamo diverse piste", ha aggiunto, chiedendo alla popolazione di continuare a collaborare, fornendo alle autorità immagini o qualunque altro elemento possa servire a chi conduce le indagini.

"Stiamo analizzando tutto il materiale digitale ricevuto", ha spiegato. "La nostra missione è chiara, è portare i responsabili di fronte alla giustizia, ma ci vorrà tempo", ha detto l'agente speciale dell'Fbi.

Il capo della polizia di Boston, Ed Davis, rispondendo alle domande dei giornalisti, ha precisato che "nessuno al momento è stato arrestato''.

Il governatore del Massachussets, Patrick Deval, ha dichiarato: "E' importante chiarire che ieri sono esplose solo due bombe". Gli altri "dispositivi trovati non erano ordigni", ha riferito.

Il giorno dopo l'attentato Boston piange le vittime. Tra i morti c'è anche un bambino di 8 anni, Martin Richards, che attendeva al traguardo il papà che partecipava alla maratona. Nell'attacco sono rimaste gravemente ferite la madre e la sorella di Martin. Secondo quanto riporta il sito dell'Huffington post, la madre, Denise, è rimasta "gravemente ferita" al cervello ed ha subito ieri sera un intervento chirurgico, mentre la sorellina di sei anni ha perso una gamba. Un terzo figlio dei Richards è rimasto illeso.

Il Boston Globe riferisce che nella notte la polizia ha perquisito un'abitazione nel sobborgo di Revere. Secondo l'emittente Nbc, la perquisizione riguardava un cittadino di nazionalità saudita, entrato negli Usa con un visto per studenti.

Secondo quanto riporta la Cnn, non risulta che fossero state registrate da parte dell'intelligence americana dei segnali particolari che potessero indicare il rischio di un attentato terroristico, sia di matrice interna che internazionale.

I media Usa fanno notare che quanti sembrano più inclini a indicare una pista interna sottolineano che l'attacco è avvenuto in occasione della Giornata del Patriota e che in passato, altri eventi sanguinosi o attentati terroristici di matrice interna, come quelli di Columbine, Wako e Oklahoma City sono avvenuti nella stessa settimana di quello di Boston.

Massima allerta negli Usa dopo l'attentato di ieri. Le autorità hanno evacuato un affollato terminal dell'aeroporto La Guardia a New York a seguito del ritrovamento di un pacco sospetto in un'area commerciale dello scalo. Poi l'allarme è rientrato.

Squadre di agenti di polizia hanno pattugliato le strade di Boston. La zona delle esplosioni, attorno a Copley Square, è rimasta chiusa al pubblico. Per stasera alle 20 (ora locale) è stata annunciata una veglia di preghiera per le vittime delle esplosioni, nella chiesa di Arlington Street.

In Italia è stato alzato il livello di sicurezza sugli obiettivi Usa a rischio terrorismo. Tra questi, un'attenzione specifica è indirizzata ai luoghi di maggiore concentrazione di persone, come stazioni, porti e aeroporti. Rafforzata la vigilanza e l'attenzione a sedi Usa in Italia o comunque riconducibili agli Stati Uniti, come ad esempio le compagnie aeree. Per fare il punto sulla sicurezza nel nostro Paese il Viminale ha convocato il Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica.

(Adnkronos/Ign)

 


| modificato il:

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×