01/12/2021velature lievi

02/12/2021pioggia debole

03/12/2021foschia

01 dicembre 2021

Treviso

BUONA DOMENICA Principe consorte ma re delle battute (non sempre felici)

A meno di due mesi dal traguardo dei cento anni, Filippo di Edimburgo ha fatto l'ultimo scherzo, facendo cambiare i programmi: dal compleanno all'elogio funebre.

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

BUONA DOMENICA Principe consorte ma re delle battute (non sempre felici)

TREVISO - Sempre un passo indietro. Per protocollo, naturalmente. Verosimilmente pure per una forma di "autotutela" cui sembrava voler ricorrere la regina della quale è stato per più di settant'anni  il principe consorte. "Vado avanti io, che mi vien da ridere" - pareva gli sussurrasse. È proprio stavolta che già avevano incominciato a preparargli festeggiamenti esclusivi per il centesimo genetliaco, Filippo di Edimburgo ha messo in scena un altro dei suoi scherzi, irreparabile peraltro: da allestire ci sarà adesso il "banchetto"...funebre.

Del marito di Elisabetta d’Inghilterra - al netto di improbabili battute e memorabili gaffes, si fatica a rinvenire altro. Però (alcune) delle sue uscite saranno eterne. Soprattutto quelle ammannite gratuitamente in imperfetto humour british. Del resto come fargliene una colpa: di origine era greco. All’annuncio del trapasso, non rinvenendo del principe estinto significative orme politiche nel suo lungo cammino accanto alla testa coronata più longeva al mondo, giornali telegiornali e social hanno attinto al ricco repertorio comico di Filippo.

Che pure un paio di titoli di merito, sul campo, se li è guadagnati tutti. Primo: aver resistito settantatré anni accanto a una signora che a occhio, e data la tempra, più che facile deve essere un tipetto impegnativo. Secondo: aver garantito leggerezza, ispirato disincanto, suscitato quel tanto - a volte anche troppo - che serviva di allegria in una real Casa che, da un po’ di anni a questa parte, fino alle ultime settimane di ridere e scherzare non è che abbia avuto proprio il motivo.

Non che tutte le ciambelle del “battutista” Filippo siano riuscite con il buco. In visita in Australia nel 2002 chiese a un aborigeno: “Vi tirate ancora le lance tra voi”? Mentre a un disabile in sella al suo ciclomotore: “Quante persone hai colpito questa mattina con quella cosa”? Quando le polemiche sulla didattica a distanza erano ancora di là da venire dichiarò convinto che “i bambini vanno a scuola perché i loro genitori non li vogliono a casa”. Mentre con un impeto di sano realismo, in visita a una casa di riposo, osservò davanti a un ospite piuttosto avanti con gli anni, dal fisico emaciato: “Sembri affamato”. A un gruppo di giovani sordi che assistevano a un concerto assicurò: “Se state qui vicino non mi meraviglia che siate sordi”.

Ma quelle di caratura politica si sono rivelate autentiche perle. Le avesse pronunciato qualsiasi altro diplomatico al mondo ne sarebbe sortita una vera e propria crisi diplomatica. Sulla bocca del principe di Edimburgo producevano tutt'altro effetto: si stringevano tutti, solidali, alla Regina. “Mi piacerebbe molto andare in Russia anche se i bastardi hanno ucciso metà della mia famiglia”. Non meno delicato con gli abitanti del Celeste Impero: “Se ha quattro gambe e non è una sedia, se ha ali e non è un aeroplano, i cinesi lo mangiano”. In Kenya invece, mentre riceveva un dono dalle mani di una ragazza, preferì accertarsi: “Sei una donna, vero?”

E chissà se era solo gusto per la freddura inglese o se - dato che oriundo non non era - pesasse magari qualche lacuna nell'erudizione. Come si fa a chiedere a un ricco abitante delle isole Cayman se la maggior parte dei residenti discendessero dai pirati? Quante sterline avrebbero sborsato gli inglesi - e forse anche noi - per poter osservare lo sguardo atterrito e le smorfie della regina?

BUONA DOMENICA

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

21/11/2021

BUONA DOMENICA Le metamorfosi di Irene

Indagata per frode fiscale e riciclaggio, l'ex presidente della Camera ed ex bigotta ed ex icona sexy, non smette di "sorprendere" e far parlare di sé. Ora persino in Procura

immagine della news

26/09/2021

BUONA DOMENICA Quousque tandem?

Polemiche feroci e accuse dopo la Lettera del Vescovo Pizziolo sulla monocultura del Prosecco. Ma fino a quando, per i soldi, si continuerà ad abusare della salute e della vita della persone?

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×