18 ottobre 2021

Oderzo Motta

Cacciatore ferito a Meduna: "Revocare la licenza a chi ha sparato”

Lo segnala il consigliere regionale dem Andrea Zanoni

|

|

il luogo

MEDUNA DI LIVENZA - “Fortunatamente non ci è scappato il morto, ma resta un dato di fatto: maneggiare un’arma non è uno scherzo. Mi auguro venga revocata la licenza a chi ha sparato e che finalmente si arrivi a un giro di vite delle Questure sui rinnovi”.

Questo il commento di Andrea Zanoni, consigliere regionale del Partito Democratico, dopo l’incidente avvenuto a Meduna di Livenza, dove un cacciatore, perdendo l’equilibrio, ha esploso due colpi ferendo gravemente un amico.

“In Veneto ci sono troppe persone autorizzate a sparare, è un dato di fatto. E non tutte hanno un’adeguata preparazione visto il bollettino di guerra che si registra al termine di ogni stagione venatoria, con gli incidenti che si sommano agli abusi e agli atti di bracconaggio. Quello di Meduna non è il primo caso: già durante il primo weekend, a metà settembre, ci furono due feriti nel Veronese, un ciclista e un cacciatore. La Regione faccia più controlli, aumentando le risorse per la vigilanza venatoria, ma al tempo stesso sono necessarie anche sanzioni severe e realmente efficaci. Senza attendere di dover piangere delle vittime”.
 

LEGGI ANCHE

Meduna, cacciatore scivola e, per errore, spara e ferisce un compagno

 



Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×