29 marzo 2020

Nord-Est

Cade sulle rocce dopo un salto di 50 metri: morto un scialpinista a Cortina

| commenti |

| commenti |

Sciatrice morta a Cortina

Uno scialpinista veneziano di 75 anni è morto dopo essere scivolato da un pendio della montagna bellunese. L'uomo stava salendo verso l'omonimo Rifugio Nuvolau con un amico che lo precedeva e un altro più dietro, quando ormai quasi arrivato, è scivolato dal pendio sommitale sul versante est che dà verso le Cinque Torri. Dal racconto dei compagni, quando l'ultimo dei tre ha raggiunto il primo, si sono accorti della sua assenza e, tornati indietro hanno trovato un bastoncino e i segni della scivolata.

 

Uno dei due uomini è sceso e facendo un giro largo lo ha raggiunto. Il 75enne, di Venezia, dopo un salto verticale di una cinquantina di metri, era caduto sulle rocce sottostanti per fermarsi poco dopo sulla neve. Il tecnico di elisoccorso del Suem di Pieve di Cadore e l'equipe medica sbarcati con un verricello poco distante, dopo aver raggiunto lo sciatore, hanno potuto solamente constatarne il decesso. Ottenuto il nulla osta per la rimozione dalla magistratura, la salma ricomposta e imbarellata è stata spostata dal punto in cui si trovava, sotto i cavi della teleferica, in un luogo dove l'eliambulanza ha potuto recuperarla in sicurezza assieme ai soccorritori, per poi accompagnarla fino alla strada e affidarla ai soccorritori della Guardia di finanza. 

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×