23/01/2022poco nuvoloso

24/01/2022foschia

25/01/2022nubi sparse

23 gennaio 2022

Mogliano

Casier, una rete di famiglie per creare coesione sociale e favorire processi d’inclusione e prevenzione alla marginalità

Il comune di Casier è tra i 14 comuni che prenderanno parte al progetto “Famiglie in Rete”

| Manuel Trevisan |

immagine dell'autore

| Manuel Trevisan |

Famiglie in Rete, il progetto che supporta famiglie in difficoltà

CASIER – “L’amministrazione comunale di Casier crede nella prosecuzione del progetto Famiglie in Rete”. Così l’Assessore alle Politiche Sociali Leonella Mestriner fa sapere che tra i quattordici comuni che hanno rinnovato la convenzione per il progetto c’è anche il comune di Casier.

Il progetto

Il progetto, nato nel 2016, fino al 2017 ha goduto della collaborazione dell’USL e del finanziamento della Regione Veneto. In seguito, le undici amministrazioni comunali che hanno creduto fin da subito nel programma hanno dato continuità al lavoro con risorse proprie. Prima con Spresiano capofila, poi ancora con Paese, che ha nuovamente manifestato la volontà di farsi capofila per la gestione della gara d’appalto.

Attualmente gestito dalla cooperativa Kirikù, Famiglie in Rete ha come obiettivi favorire e diffondere la cultura dell’accoglienza, della solidarietà e di incoraggiare nuove relazioni.

I presupposti di partenza sono le famiglie e la comunità. La famiglia intesa come nucleo che genera coesione sociale e favorisce processi d’inclusione e prevenzione alla marginalità. In ogni singolo comune nasce una “rete”, un gruppo di famiglie che si prende cura di sé e degli altri e s’impegna per il benessere della comunità in cui vive.

Le famiglie ospitanti offrono la possibilità di affiancare una famiglia in momentanea difficoltà, riconoscendo che questo accogliere è occasione di scambio e arricchimento reciproco, che va dal semplice sostenere i bambini nei compiti, negli impegni quotidiani, al trascorrere del tempo con la famiglia stessa.

Le famiglie accoglienti s’incontrano una volta al mese con le assistenti sociali del comune e un educatore per un momento di confronto, di collaborazione e di sostegno.

Il commento

“Vorrei rivolgermi alle famiglie casieresi – commenta Leonella Mestriner - qualora si sentissero pronte, perché non mettersi in gioco per creare nuova linfa da integrare alle nostre famiglie accoglienti già esistenti del territorio? Chiunque volesse, può prendere contatto con l’ufficio servizi sociali del Comune. Tutti insieme, possiamo migliorare le nostre vite e quelle dei nostri concittadini più fragili”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Manuel Trevisan

Leggi altre notizie di Mogliano
Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

immagine della news

07/12/2021

Luce verde in municipio

Un segno di solidarietà verso i migranti intrappolati tra Polonia e Bielorussia

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×