02 giugno 2020

Cronaca

Chiude la stagione della caccia, il bilancio: 15 morti e 49 feriti

| commenti |

| commenti |

Bilancio caccia in Italia

Chiude domani, 30 gennaio, la stagione della caccia nella maggior parte delle regioni (in alcune proseguirà fino al 10 febbraio) e il Wwf fa un bilancio "secondo i dati dell'Associazione nazionale vittime della caccia che in 5 mesi ci sono stati "15 morti e 49 feriti in incidenti, 178 sequestri e 170 violazioni penali riscontrate dalle 323 guardie volontarie Wwf, che pero' da sole non bastano a contrastare l'illegalità".

 

Riferendosi alla prosecuzione della stagione venatoria in alcune regioni, l'associazione ambientalista osserva che "se è vero che sulla carta è limitata ad alcune specie, è lecito immaginare che gli episodi di bracconaggio si ripeteranno, considerata la gravissima carenza di vigilanza che si riscontra in molte situazioni territoriali". Il Wwf spiega: "Specie rare e protette uccise a fucilate - tra cui capovaccaio, ibis eremita, aquila di Bonelli, lanario, per non parlare degli enormi traffici di uccelli da richiamo -; buona parte delle regioni italiane che continuano a violare, in maniera sistematica, le leggi italiane e i principi europei e internazionali sulla tutela della fauna selvatica e l'attività venatoria: 9 i ricorsi amministrativi da parte del Wwf accolti dai giudici in altrettante regioni. Le 323 guardie WWF in quasi 15.000 ore di servizio hanno rilevato 645 violazioni, 170 delle quali di tipo penale con relativa segnalazione alle Autorità competenti, hanno disposto 178 sequestri, comminate sanzioni per 172.500 euro e hanno recuperato 705 animali

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×