05 dicembre 2020

Conegliano

Conegliano è col fiato sospeso. E c'è chi dà già per finita l'esperienza del sindaco Chies alla guida della città

L'attaco del capogruppo Pd Bortoluzzi: "Incapacità assoluta di prendere decisioni"

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Conegliano è col fiato sospeso. E c'è chi dà già per finita l'esperienza del sindaco Chies alla guida della città

CONEGLIANO - A Conegliano c’è chi dà già per conclusa l’esperienza del sindaco Fabio Chies – e della sua giunta – al governo della città. Del resto lo ha ammesso lo stesso primo cittadino, dopo il terremoto in seno alla maggioranza, con l’uscita di due consiglieri da Forza Italia e l’ingresso nel gruppo misto: “Se non ci saranno le condizioni, torneremo al voto”.

 

“Il problema non è di un solo assessore, ma di tutta la giunta e prima ancora di un sindaco che non riesce ad amministrare – ha scritto su Facebook il capogruppo Pd Alessandro Bortoluzzi -. Pare sia prossima al chiudersi l’esperienza amministrativa di Chies: staremo a vedere nei prossimi giorni, la politica è l’arte dell’impossibile”.

 

Nonostante le difficoltà in cui versa l’amministrazione, però, Bortoluzzi non canta già vittoria: “Vedo un clima da rompete le righe, vedo sfiducia. Ma sarei cauto”. Con la mossa di Pierantonio Bottega e Leopoldino Miorin, forzisti confluiti nel gruppo misto, Chies potrebbe comunque aver perso la maggioranza in consiglio comunale.

 

Ma secondo Bortoluzzi non è solo una questione di numeri: “All'amico Chies, cui riconosco modi garbati e che ringrazio per la cortesia che mi ha sempre riservato, addebito però un'azione amministrativa quanto mai inconsistente ed una incapacità assoluta di prendere decisioni”.

 

E poi l’esponente dem passa all’attacco della giunta: “In questi tre anni abbiamo assistito ad una faticosissima gestione dell'ordinaria amministrazione, tanti faremo, vedremo, ci parleremo. La giunta, quella che deve esse una squadra affiatata, messa insieme a casaccio, mettendo in campo anche delle persone che nulla avevano da dare alla città, e nulla infatti hanno dato. Ogni riferimento all'assessore Colombari è assolutamente voluto. E sempre parlando della giunta, ben due defenestramenti fatti senza alcuna logica e giustificazione politica, ma solo per mere beghe personali”.

 

Una questione, quella degli assessori a cui sono state tolte le deleghe, che non va giù nemmeno ai 5 Stelle. Secondo quanto riportato dal consigliere Alberto Ferraresi, infatti, nella riunione dei capigruppo “ci è stato detto che se l’assessore Brugioni verrà sfiduciata dal consiglio comunale sostanzialmente si manderà a casa una persona che era stata eletta legittimamente come consigliera. Ma il sindaco Chies, concordando arbitrariamente con la sua stretta cerchia il licenziamento degli assessori Boscariol e Zambon, non si è macchiato dello stesso peccato?”

 

Secondo Bortoluzzi ci sarebbe una vera e propria rottura all’interno della maggioranza: “Inb questi giorni non facili il sindaco ha raccolto qualche manifestazione di sostegno dalla maggioranza, ma nemmeno un "like" dal vicesindaco Claudio Toppan e da quella parte politica. Non può essere un caso”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×