20 ottobre 2020

Conegliano

Conegliano, incertezza sul Natale: "Tutto sospeso, e si fa un bando senza dare spiegazioni"

L'attacco di Patrizia Loberto, il sindaco Chies: "Polemica assurda"

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Conegliano, incertezza sul Natale:

CONEGLIANO - Si preannuncia un inverno “caldo” a Conegliano, e non per le temperature. E’ infatti polemica sugli eventi del Natale in città e sul bando per l’organizzazione del villaggio natalizio. L’iniziativa dell’amministrazione guidata dal sindaco Fabio Chies da tempo non va giù a Patrizia Loberto, presidente di Conegliano in Cima, l’associazione che negli anni scorsi ha presieduto l’organizzazione del Natale.

 

E così oggi, dopo il direttivo dell’associazione tenutosi ieri sera, Loberto è tornata alla carica: “A Conegliano l'amministrazione fa un bando per il Natale senza dare spiegazioni”, scrive la presidente in un post sul proprio profilo Facebook. Loberto ha dichiarato anche che “l'amministrazione ha sospeso, "congelato" qualsiasi attività nel mese di dicembre, in attesa di decidere sul da farsi, bando compreso”.

 

La presidente ha poi sottolineato la differenza rispetto alla città di Vittorio Veneto, comune che ha lanciato sì un bando, ma per aiutare le associazioni con 100mila euro stanziati nell’ultima seduta di giunta.

 

“Un grande applauso al comune di Vittorio Veneto che aiuta le associazioni in un momento molto particolare – scrive Loberto -. Penso non servano ulteriori parole, basta soffermarsi sulla diversità degli attori. Le associazioni sono volontariato del territorio, un prezioso aiuto sia nel sociale che nel commercio. Dopo Asolo ora Vittorio Veneto, grandi esempi”.

 

Il sindaco Chies - da parte sua - ha tagliato corto, definendo quella della presidente una “polemica assurda”. E per quanto riguarda il bando? “Adesso verificheremo”, ha dichiarato il primo cittadino. Nei mesi scorsi Conegliano in Cima aveva ricevuto l’appoggio di ben 9 importanti associazioni cittadine, che la riconoscevano come ente capofila per l’organizzazione del Natale.

 

Dopo la “questione” Pro Loco, il mondo dell’associazionismo viene così scosso da un’altra polemica. In ballo c’è un evento che negli ultimi anni ha riscosso un enorme successo, con migliaia di persone presenti tra le “casette” e per l’evento di Capodanno.

 

E anche se quest’anno è impensabile, causa Covid-19, che vengano replicati gli stessi numeri, il Natale coneglianese rimane forse l’appuntamento più importante per la città. Mancano solo tre mesi, ma la vicenda sembra ancora in una situazione di stallo.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×