18/07/2024poco nuvoloso

19/07/2024pioggia debole e schiarite

20/07/2024poco nuvoloso

18 luglio 2024

Treviso

IL CONSIGLIERE ATALMI RESTITUISCE IL BONUS BEBE'

E chiede meno demagogia e assegnazione dei contributi a chi ne ha veramente bisogno

| Laura Tuveri |

| Laura Tuveri |

IL CONSIGLIERE ATALMI RESTITUISCE IL BONUS BEBE'

Treviso - Ha restituito a Ca’ Sugana il bonus bebè di 155 euro che, come avevo promesso. Il consigliere comunale e regionale Nicola Atalmi , PdCI – Federazione della Sinistra, (nella foto) lo ha fatto in quanto trova assurdo che a Treviso (ma è stato introdotto in molti comuni veneti) in tutti questi anni si sia deciso di dare un piccolo contributo a tutte le famiglie che hanno un nuovo nato senza nessun limite di reddito.

“Pochi soldi, tardi e a tutti, al figlio dell’operaio come a Benetton o a un consigliere regionale, invece di dare un contributo più significativo solo a chi ha bisogno. E per di più dal 2010 questo bonus è stato sospeso perché non ci sono più i soldi. Appunto nemmeno per chi ha bisogno. Ma del resto questa è la, falsa, promessa del “prima i veneti” di Zaia. Con le politiche del “prima i veneti” infatti si finisce per dimenticarsi di dare prima a chi ha bisogno davvero.

Ed è in ogni ambito così”. Continuando con questo principio dei “prima ai veneti” nell’assegnazione di case popolari, come negli asili nido Atalmi sottolinea che “ci si dimentica della equità e chi evade le tasse magari ha il posto del lavoratore dipendente che le tasse le paga tutte e poi all’asilo si vede superato non dall’immigrato, ma dal professionista in Suv che dichiara redditi da fame”.

Atalmi sostiene che il governo dei leghisti e di Berlusconi “è un governo che promette una riduzione fiscale degna di un Robin Hood ubriaco che toglie ai poveri per dare ai ricchi. Infatti per chi come me guadagna 100.000 euro all’anno mi troverò con 1.360 euro in più al mese mentre per gli operai tra i 15.000 e i 28.000 euro di reddito il vantaggio andrà da 0 a 50 euro al mese.

Inoltre – conclude Atalmi - stiamo votando una finanziaria regionale che per non mettere una piccola addizionale Irpef ai redditi più alti taglia 8,8 milioni per le politiche attive per il lavoro e 35 milioni per le politiche sociali”.

 


| modificato il:

Laura Tuveri

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×