13 agosto 2020

Treviso

Coronavirus, nella Marca in tre mesi 20% di decessi in più rispetto alla media

L'indagine Istat: a marzo in Provincia di Treviso incremento dei decessi del 32,1% rispetto alla media dello stesso periodo dei cinque anni precedenti

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

covid 19

TREVISO - L’emergenza coronavius non può dirsi ancora superata anche se il virus ha certamente allentando la presa, rispetto ai mesi scorsi. Marzo e aprile sono stati i peggiori. In provincia di Treviso a marzo è stato registrato un incrementato dei decessi del 32,1% rispetto alla media dello stesso periodo dei cinque anni precedenti (2015-2019). In aprile del 27,7%.

A dirlo l’ultima indagine dell’Istat sull’impatto dell’epidemia Covid sulla mortalità totale della popolazione residente. Ad oggi l’epidemia di Covid ha causato 326 vittime solo nel territorio della Marca. E sono ancora diversi i trevigiani colpiti dal virus. A maggio, dopo le misure anti contagio e l’isolamento, il numero di vittime si è fermato, registrano un aumento di solo lo 0,8%. A Treviso il numero dei decessi nei mesi di marzo, aprile e maggio 2020 è stato di 298, la media del trimestre registrata tra il 2015 e il 2019 era di poco superiore a 247 decessi, il 20,6% in più.

A livello medio nazionale, i decessi totali del mese di maggio 2020 risultano lievemente inferiori alla media dello stesso mese del periodo 2015-2019 (47.100 nel 2020, -2,2%), a fronte di un incremento del 49,4% di marzo 2020 (82.260 deceduti) e del 36,6% di aprile (67.135). Il rapporto prodotto congiuntamente dall’Istituto nazionale di statistica (Istat) e dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) presenta un’analisi della mortalità totale e dei soggetti positivi al Covid-19 anche per età e sesso. Considerando i valori dei tassi all’interno delle aree di diffusione, quelle a diffusione “alta” hanno un tasso di mortalità per Covid-19 pari a 102,7 decessi ogni 100mila residenti, quelle a diffusione “media” 23,9 e quelle a diffusione “bassa” 7,5 decessi ogni 100mila residenti. Treviso è considerata provincia dove il tasso di mortalità per Covid ha una diffusione “media”.

L’eccesso di mortalità registrato nei mesi di marzo e aprile 2020 è ancora più accentuato negli uomini tra i 70 e 89 anni. Si tratta delle classi di età in cui si è rilevato un eccesso di mortalità più elevato: da gennaio ad aprile 2020 i decessi sono aumentati di oltre il 60% rispetto allo stesso periodo della media 2015-1019. Dalla seconda metà di aprile si osserva un'inversione di tendenza, l’eccesso di mortalità -misurato come rapporto tra i decessi cumulati del 2020 e quelli dello stesso periodo del 2015-2019- inizia a diminuire in entrambi i generi e per tutte le età, sebbene con ritmo e intensità diverse.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×