21 settembre 2020

Nord-Est

Coronavirus, Zaia: in autunno "emergenza dettata da psicosi"

“Chi ha, magari, l'influenza, pensa di avere il Covid"

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Coronavirus, Zaia: in autunno

Prepariamoci, perché in autunno dovremmo fare i conti – oltre che con il virus – anche con la nostra testa. Intesa come modalità di approccio al Coronavirus e come possibile fonte di psicosi. Già, perché – lo ha detto anche il presidente del Veneto Luca Zaia – quella che si prospetta per l'autunno sarà "un'emergenza dettata da psicosi”.

 

“Chi ha, magari, l'influenza, pensa di avere il Covid – aggiunge -. Prendo comunque atto che il virus c'è, non so se sarà più virulento, ma siamo pronti, ci siamo attrezzati per reagire a qualsiasi emergenza". Il rischio è quello che, ad ogni colpo di tosse, ad ogni starnuto e ad ogni linea di febbre, si sospetti di avere i sintomi del Covid 19. Così si corre ai ripari: proprio oggi Zaia ha presentato il piano emergenziale della sanità pubblica del Veneto, che per il prossimo autunno sarà rafforzato i tutti i settori.

 

Per il potenziamento della rete ospedaliera si investono 81,8 milioni e si prevede l'aumento dei posti letto di terapia intensiva da 494 (di cui 44 nei privati) a 663. Le postazioni di terapia intensiva, in situazioni di emergenza, possono arrivare 1.016.

 

Rafforzati anche i 14 laboratori di microbiologia, con l'acquisto di 21 nuove attrezzature, mentre ai tamponi si affiancheranno i test rapidi e gli screening con la tecnica del pooling. “Ci siamo programmati per una diagnosi differenziale – spiega il presidente -. Sarà infatti difficile capire se tosse, febbre e altro sia da ricondurre ad una normale influenza o al Covid 19 e quindi è inevitabile il test".

 

"Non vogliamo tornare in lockdown – dice Zaia -. L'esperienza passata ci ha fatto capire l'importanza dell'uso della mascherine, del distanziamento e della pulizia delle mani e quindi ci siamo già abituati ad un modello di comportamento. Certo saremo in emergenza, ma da una psicosi comprensibile".

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×