22 gennaio 2021

Conegliano

Covid, palestre al collasso: “Se non arrivano sussidi non ce la faremo. Ecco le mia domande dirette a Zaia”

Andrea Antoniazzi si rivolge direttamente al Governatore

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Covid, palestre al collasso: “Se non arrivano sussidi non ce la faremo. Ecco le mia domande dirette a Zaia”

CONEGLIANO - Si parla (quasi solo) di sci e impianti in montagna, in questi giorni, ma è tutto il settore dello sport a soffrire. A causa del Covid-19 – e del Dpcm del Governo Conte – le palestre, per esempio, sono chiuse da fine ottobre. E allora Andrea Antoniazzi, proprietario del “Body Evidence” di Conegliano e Vittorio Veneto, ha fatto di nuovo sentire la propria voce.

 

Il suo video di protesta dai toni pacati, anche se rassegnati, poche settimane fa era diventato virale. Ma oggi, in qualità di consigliere nazionale e delegato regionale di Anif, l’Associazione Nazionale Impianti Fitness e Sport, ha voluto porre delle domande al presidente del Veneto Luca Zaia. Gliele rivolge direttamente, perché la situazione per il mondo sportivo si è fatta insostenibile e servono risposte.

 

“Perché ogni giorno non dedica 5 minuti della diretta ad una categoria colpita, chiamando un rappresentante che esponga i problemi reali? Perché lo sport non é mai stato considerato un'attività degna di ristori e sussidi, pur avendo un codice Ateco e pur essendoci le partita Iva? Perché lo sci in tre giorni ha avuto molta più attenzione di tutto il resto del settore sportivo? Sono a rischio migliaia di posti di lavoro negli impianti sportivi, cosa pensa di fare?”

 

Il problema riguarda anche gli abbonamenti delle palestre, visto che chi aveva già pagato dovrà essere in qualche modo indennizzato. “Se non arrivano dei sussidi non ce la faremo – precisa Antoniazzi -. Inoltre i centri sportivi avrebbero l'onere, insostenibile questa volta, di prorogare gli abbonamenti già incassati, per farli recuperare ai clienti che giustamente hanno pagato e desiderano usufruire del servizio”.

 

Un problema non da poco, considerata la mole di iscritti nelle palestre. Ma Antoniazzi attacca anche il Governo: “Il Ministro Spadafora il 16 novembre ha detto che ha pagato tutti gli affitti, le utenze e le spese di sanificazione. Non é vero. Un ministro in veste ufficiale non può prendere in giro un settore intero. Dobbiamo far sentire la nostra voce ai piani alti. Non siamo rappresentati al Governo”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×