22/05/2022possibili temporali

23/05/2022possibili temporali

24/05/2022parz nuvoloso

22 maggio 2022

Nord-Est

Covid: in Veneto lenta discesa dei contagi

Al 30% la quota di ragazzi 5-11 anni vaccinati con prima dose

|

|

foto d'archivio

VENEZIA - Numeri in discesa per i principali indicatori del contagio da Coronavirus in Veneto: la Regione segnala l'indice Rt a 1,09 rispetto all'1,22 registrato sabato scorso.

Il tasso di occupazione di posti letto in Terapia Intensiva è al 17%, tre punti sotto il limite "arancione"; quello in Area Medica è risalito al 26% rispetto al 25% dello scorso fine settimana. L'incidenza è di 2.517,9 casi ogni 100.000 abitanti. Una fase di rallentamento del virus, non di netta inversione di tendenza. Il bollettino odierno presenta una curva dei contagi che scende, ma vede ancora 18.998 nuovi casi nella ultime 24 ore, con un totale dal'inizio della pandemia che sale a 1.102.848. L'incidenza su 161.180 tamponi è dell'11,78%. Si registrano purtroppo anche 22 vittime, che aggiornano il conteggio complessivo a 13.066.

Gli attuali positivi sono 262.481, 2.923 in più nelle 24 ore. Cala infine la pressione ospedaliera, con 1.847 ricoveri in area medica (-7) e 185 in terapia intensiva (-4). La fotografia dell'ultima settimana (19-25 gennaio) scattata dalla Fondazione Gimbe, conferma come il Veneto sia ancora nel pieno della quarta ondata, con un aumento del 25,5% di nuovi casi di contagio Prosegue la campagna vaccinale, con il 30% di ragazzi tra i 5 e gli 11 sottoposti alla prime dose di siero anti-Covid. All'ospedale all'Angelo di Mestre è stato consegnato oggi una sorta di nuovo bunker del freddo, un 'bolide' vaccinale di nove metri quadri costruito su misura per la farmacia dell'ospedale mestrino.

Può custodire un tesoro di 800 mila dosi di vaccino anti Covid, a temperature tra 8 e -25 gradi a seconda delle esigenze. Il Covid e le misure di contenimento del contagio sono sempre più protagoniste della cronaca quotidiana. A Vicenza una bambina di 5 anni si è ritrovata da sola alla riapertura della propria scuola dell'infanzia. L'asilo riapriva ieri dopo dopo qualche giorno di stop obbligato per i contagi da Covid-19; la scuola ospita una settantina di alunni. La piccola di 5 anni era rimasta a casa in quarantena preventiva, perché un compagno era risultato positivo. Ieri, con il tampone negativo, i genitori l'hanno riaccompagnata in classe, scoprendo che era rimasta sola, con sei maestre che erano tornate in servizio.

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×