24/07/2024nubi sparse

25/07/2024pioviggine e schiarite

26/07/2024poco nuvoloso

24 luglio 2024

Italia

Crozza apre Sanremo. L'annuncio di Fazio: "Cosa farà? quello che vuole"

| Carlo De Bastiani |

immagine dell'autore

| Carlo De Bastiani |

Crozza apre Sanremo. L'annuncio di Fazio:

SANREMO - "Abbiamo deciso: Crozza la prima sera! Cosa farà? quello che vuole". Questo il tweet che Fabio Fazio ha postato su Maurizio Crozza, che dunque sarà ospite dell'Ariston martedì.

A sorpresa durante il festival ci sarà un duetto Littizzetto-Fazio. A rivelarlo la stessa Lucianina nel corso della chat con Vincenzo Mollica trasmessa sul sito del Tg1. "Con Fabio Fazio proveremo a canticchiare un duetto famoso - dice- Ma non so se ci riusciremo. Al momento viene piuttosto male". Alla domanda sulla canzone, però, l'attrice non ha voluto rispondere per mantenere la suspance.

Intanto a due giorni dall'apertura del Festival, i testi di 'E se poi' di Malika Ayane e 'La canzone mononota' di Elio sono stati giudicati i più belli delle canzoni in gara secondo il Premio Lunezia. Anche quest'anno, infatti, la redazione musical-letteraria del Premio, diretta dal critico Paolo Talanca, ha decretato i testi più belli tra le canzoni in gara a Sanremo, reperendoli in anteprima grazie alla pubblicazione degli stessi da parte di 'Tv Sorrisi e Canzoni'.

"Giudicare i testi di una canzone senza ascoltare la musica -spiega Talanca- è un po' come giudicare una copia in bianco e nero di un quadro a colori". "La canzone è come una moneta -aggiunge Stefano De Martino, patron del Lunezia- vale ed esiste per le due facce: il testo e la musica. Ad ogni modo il testo offre istruzioni evocative sulla bontà poetica della canzone, per cui ecco le nostre scelte".

Per il Lunezia, il testo del brano 'E se poi, scritto dal leader dei Negramaro, Giuliano Sangiorgi, per Malika Ayane, "non è mai banale, e contiene parole d'amore sofferte, che non sono mai retoriche o ruffiane, non soffocano da sole come a volte succede alle canzoni di Sanremo. Anzi, il testo ha uno svolgimento dinamico e non canta l'amore per strappare lacrime: c'è narratività, è una riflessione sulla coppia, un'onda che va e viene tra la voglia di libertà e la paura di perdersi o… non trovarsi".

Di ben altro registro 'La canzone mononota' di Elio e le storie tese. "Un brano che parla di se stesso, cioè una meta-canzone, che gioca -scrive Lunezia- sulla monotonia delle canzoni tutte uguali di Sanremo (magari per i temi o per l'arrangiamento melodrammatico, per le aperture dei ritornelli, etc.)".

"Il testo descrive la canzone composta da una sola nota, per questo 'mononota', cioè dalla melodia monotona, e descrive invece il movimento di tutti gli altri elementi che formano una canzone: ritmo, armonia, velocità, atmosfera etc. Verosimilmente, mentre saranno nominati, questi elementi cambieranno davvero, rendendo la canzone artisticamente tutt'altro che monotona: genio puro".

Per motivi musical-letterari, il Premio Lunezia segnala tra i giovani Paolo Simoni (le canzoni di questa categoria sono già pubbliche). "Nel suo brano 'Le parole' -scrive la redazione del Lunezia- si descrivono tutte le potenzialità di questo strumento della 'fonetica': le parole. Le parole che riescono a 'distruggere, confondere, ingannare, rinnovare': la fenomenologia della vita, della creazione, dell'ispirazione, di stimoli e pensieri che mandano avanti il mondo".

(Adnkronos/Ign)

 


| modificato il:

foto dell'autore

Carlo De Bastiani

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×