17/04/2024possibili temporali

18/04/2024nubi sparse

19/04/2024velature lievi

17 aprile 2024

Cronaca

Cucina funghi per il pranzo di famiglia e fa una strage: tre morti

Il pasto con uno dei funghi più letali in natura ha stroncato i genitori e la zia dell'ex marito

|

|

funghi

Ha cucinato il pranzo a base di funghi per tutta la famiglia ed è stata una strage. Ora una donna è stata arrestata con l’accusa di omicidio di tre persone, gli ex suoceri e la zia, e dell'avvelenamento dello zio del marito. La tragedia è avvenuta in Australia, dove la donna aveva preparato un pranzo nella casa di famiglia. Tra i convitati c'erano i suoi ex suoceri, entrambi di 70 anni, e sua zia.

Durante il pasto - secondo quando riportato dai media locali - tutti e tre hanno consumato una ricetta di filetto alla Wellington, in cui erano presenti funghi. Purtroppo quei funghi si sono rivelati essere Amanita Falloide, noti anche come Tignosa Verdognola, uno dei funghi più letali in natura. Le conseguenze sono state devastanti. Tutti e tre gli anziani sono deceduti a causa dell'avvelenamento, mentre il quarto commensale, lo zio del marito, è sopravvissuto ma è stato ricoverato in ospedale per diversi mesi. L'Amanita Falloide è famosa per la sua letalità e per la somiglianza con altri funghi edibili. È noto come "Angelo della Morte", poiché l'avvelenamento da questo fungo ha spesso un esito letale, e chi sopravvive è spesso costretto a un trapianto di fegato o all'emodialisi a vita.

La donna è stata subito considerata la principale sospettata, in quanto era stata lei a preparare il pasto. Tuttavia, la donna sostiene con fermezza la sua innocenza, affermando che non aveva alcuna intenzione di avvelenare nessuno. Ma le indagini condotte dalla polizia hanno portato a confermare la presenza di Amanita Falloide nel pasto e a escludere la possibilità di una contaminazione accidentale.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×