28 settembre 2020

Ambiente

Dalla transizione energetica alle persone, primo Bilancio di Sostenibilità per Q8.

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Dalla transizione energetica alle persone, primo Bilancio di Sostenibilità per Q8.

Roma, 4 ago. - (Adnkronos) - Fare business in modo nuovo, facilitare la transizione energetica e valorizzare le persone. Sono questi i pilastri della strategia di Kuwait Petroleum Italia Spa, che ha appena pubblicato il suo primo Bilancio di sostenibilità redatto in base allo standard internazionale Gri (Global Reporting Initiative).

All’interno di ciascun pilastro il bilancio di sostenibilità racconta quello che, fa sapere l'azienda, è il proprio Dna: etica, innovazione, gestione responsabile dell’ambiente, diversificazione delle fonti, attenzione alle persone e creazione di valore sociale. Il Bilancio di sostenibilità contiene tutti gli elementi che contraddistinguono l’attenzione e la strategia dell’azienda verso l’ambiente e le persone: dal codice etico, ai requisiti richiesti ai fornitori, dalle certificazioni all’utilizzo di pratiche corrette dal punto di vista ambientale sia nel business che nell’organizzazione aziendale, per concludere con l’attenzione verso il territorio e il personale, non solo nel rispetto delle norme per la tutela della salute e della sicurezza ma anche attraverso la valorizzazione e la formazione dei dipendenti.

“Siamo un player fondamentale per la mobilità sostenibile delle persone e delle merci – dichiara Giuseppe Zappalà, amministratore delegato di Kuwait Petroleum Italia Spa - e questo per noi significa coniugare il nostro core business sia con la tutela ambientale sia con gli aspetti di natura economica e sociale”.

L’attenzione alle tematiche di carattere ambientale e al contestuale obiettivo di un migliore benessere per la comunità passa attraverso progetti e iniziative riportate in dettaglio nel bilancio di sostenibilità, in linea con le tematiche Esg (Environmental, Social, Governance) e gli ambiziosi 17 obiettivi di sviluppo sostenibile approvati dall’Onu.

“Anche in un complesso scenario come quello che stiamo vivendo – aggiunge Giuseppe Zappalà – la Società ha una visione di lungo periodo ed è determinata a continuare a svolgere un ruolo da protagonista sul mercato nazionale anche nella fase di transizione energetica”.

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×