25 febbraio 2020

Conegliano

DENUNCIATA UNA COPPIA DI TREVIGIANI PIZZICATI CON L’AUTO PIENA DI UCCELLI E MEZZI PER LA CACCIA VIETATI

Fermati sull'A4 per un controllo, avevano nascosto i volatili morti sotto la ruota di scorta

| commenti | (3) |

| commenti | (3) |

Godega di Sant’Urbano. Denunciato per detenzione di fauna protetta e di fauna di provenienza illecita, detenzione di mezzi vietati dalla legge, detenzione illecita di armi da fuoco. E’ successo a Gianpietro Zava, confederazione ornitologica nazionale “Fiere Uccelli”.

Zava è stato fermato sull’A4 mercoledì 20 agosto dalla Polizia Stradale di Verona Sud. Con lui si trovava la moglie D.M., di 57 anni, anche lei denunciata alla procura della repubblica di Verona. Nell’auto della coppia gli agenti hanno trovato oltre 30 uccellini rinchiusi in gabbiette: colombacci, tordi sasselli, prispoloni, allodole e uno scoiattolo rosso. Non solo: sotto la ruota di scorta erano ben nascosti altri 59 piccoli volatili morti e già spiumati.

Dal veicolo sono saltate fuori anche reti per uccellagione, trappole a scatto, un richiamo elettroacustico per uccelli selvatici, panie e un silenziatore per arma da fuoco detenuto illegalmente. Gli uccellini vivi sono identificati dalla Forestale e liberati nel bosco delle Torricelle a Verona. Sugli uccelli morti è stata invece disposta una perizia, per stabilirne la specie e quindi il grado di protezione, in modo da definire i reati commessi. Tutti gli uccelli vivi e morti, i mezzi di caccia vietati, il silenziatore sono stati posti sotto sequestro penale.

I due cacciatori hanno spiegato la presenza dei volatili “incarcerati” nella loro auto con il desiderio di ripopolare la loro proprietà e hanno riferito agli agenti di polizia di averli comprati in Francia.

“Purtroppo questa è solo la punta dell’iceberg – ha commentato Andrea Zanoni, presidente della Lega Abolizione Caccia del Veneto - Per stroncare il commercio di uccelli protetti bisognerebbe intervenire con leggi più severe cominciando col vietare la detenzione di uccelli protetti ma soprattutto col vietarne l’esposizione nelle sagre degli uccelli”.

 

Leggi altre notizie di Conegliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×