20 ottobre 2020

Vittorio Veneto

DIGITALE TERRESTRE: ISTRUZIONI PER L'USO

Tutto quello che dovete sapere sullo switch off

| |

| |

DIGITALE TERRESTRE: ISTRUZIONI PER L'USO

VITTORIO VENETO - Il trentaduenne di Salsa Matteo Ruzza ne sa di digitale terrestre. Di antenne e di ripetitori. Di frequenze e di switch off. Ma non fa l'antennista né vende televisori né possiede televisioni. Il suo unico interesse diretto nel settore è la collaborazione con La Tenda Tv.

Ruzza è ingegnere elettrico, ma questo c'entra poco. Semplicemente, come dice lui, è “operatore del settore a livello amatoriale”. Insomma è un appassionato. C'è chi suona la chitarra, chi s'interessa di chakra... e chi di digitale terrestre. E siccome oltre che appassionato è pure gentile (oltre che mio amico) gli abbiamo chiesto di spiegare l'abc del digitale trevigiano.

Perchè a Vittorio Veneto lo switch off arriva più tardi che altrove?

“Lo switch off avviene secondo un calendario stabilito dal Ministero dello Sviluppo Economico, che prevede un raggruppamento territoriale degli impianti. I principali trasmettitori che servono le località di pianura e pedemontane del Veneto verranno convertiti al segnale digitale il 30 novembre, mentre per la zona di Vittorio Veneto, servita dal trasmettitore del Col Visentin, il passaggio è programmato per il 6 dicembre, assieme alla Val Belluna”.

Da dove ricevono le trasmissioni televisive gli abitanti della Vallata? Di Vittorio Veneto? Di Conegliano?

“Nelle zone del Coneglianese, dell’Opitergino e in genere nella fascia pianeggiante il segnale televisivo si riceve dai potenti trasmettitori situati sui Colli Euganei, mentre la zona pedemontana è coperta dal Col Visentin e da diversi trasmettitori locali di potenza più bassa”.

Ci sono zone che saranno penalizzate dal passaggio al digitale? Che dovranno comprare per forza il ricevitore satellitare?

“Si tratterà di casi molto rari all’interno del territorio diocesano, e che comunque già ora hanno difficoltà nella ricezione del segnale analogico”.

Il passaggio andrà tutto liscio o possiamo aspettarci che ci sia qualche intoppo all'inizio?

“Lo swtich off rappresenta una vera e propria 'rivoluzione' nell’ambito del sistema radiotelevisivo. È normale aspettarsi che nei primi giorni del passaggio al digitale si possano presentare delle difficoltà, sia da parte degli operatori televisivi, che potrebbero far fronte a guasti o disservizi temporanei nella messa in funzione dei nuovi trasmettitori, sia da parte degli utenti alla prese con la sintonizzazione dei ricevitori. Nei giorni successivi allo switch off sarà necessario effettuare più volte la sintonizzazione dei decoder o dei televisori, poichè le varie emittenti accenderanno i nuovi canali digitali con tempistiche diverse. Alcune tv locali in particolare potrebbero ritardare l’attivazione dei nuovi trasmettitori anche di alcune settimane”.

C'è da far spostare l'antenna sul tetto di casa?

“Può accadere che alcuni impianti d’antenna, soprattutto quelli condominiali, necessitino di una revisione per la presenza di filtri che impediscono la ricezione di alcune frequenze, oppure che in alcune zone si renda necessario orientare le antenne in modo diverso per poter ricevere un maggior numero di canali. In linea di massima, comunque, la ricezione delle principali emittenti nazionali dovrebbe essere assicurata se già si riceve bene il segnale analogico”.

"Abito a Menarè e da me il segnale del digitale terrestre non arriva", mi ha detto un amico. Con lo switch off questi problemi si risolveranno?

“Si, bisogna solo pazientare ancora qualche settimana”.

Ci sono canali che si vedranno meglio oppure peggio?

“Con il digitale terrestre la qualità di ricezione sarà notevolmente superiore rispetto al segnale analogico. Inoltre aumenterà notevolmente la quantità di canali ricevibili”.

Quando c'è brutto tempo a volte la tv si vede male. Succederà anche con il digitale terrestre?

“Se l’impianto d’antenna sarà messo a punto non ci saranno degaradazioni del segnale dovuti alle condizioni atmosferiche”.

Secondo lei (nel'intervista devo darti del lei) il digitale terrestre è una tecnologia valida e duratura o tra 10 anni dovremo fare un altro switch off?

“Sicuramente rappresenta un grande passo avanti dal punto di vista tecnologico, dal molti paragonato come importanza all’introduzione del colore alla fine degli anni `70. Per quanto riguarda il futuro, la tecnologia fa passi da gigante e non è da escludere che tra pochi anni si sviluppino innovazioni importanti, come la tv a 3D, che richiederanno l’uso di ricevitori di nuova generazione”. I.Q.

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

14/10/2011

E TV FU

A Corbanese di Tarzo a un anno dallo switch-off è arrivato il digitale terrestre

immagine della news

27/07/2011

E TV FU

A 8 mesi dallo switch-off il digitale terrestre arriva anche nelle case di Campea

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×