29 settembre 2020

Vittorio Veneto

Diocesi di Vittorio Veneto:"Si al sacramento della confessione, basta tenere le giuste distanza tra confessore e penitente"

Coronavirus: le linee guida per le pratiche religiose nella diocesi di Vittorio Veneto

|

|

Diocesi di Vittorio Veneto:

VITTORIO VENETO - Continua l'emergenza sanitaria per il contenimento del coronavirus, a dare le linee guida per le pratiche religiose nella diocesi di Vittorio Veneto il vescovo Corrado Pizziolo."Oggi pomeriggio si terrà una riunione straordinaria della Conferenza Episcopale Triveneto per un aggiornamento sulla situazione e per prendere, nella misura del possibile, orientamenti comuni-ha dichiarato il vescovo in una nota- Per il momento l’ indicazione che ho dato ai vicari foranei da diffondere a tutti i sacerdoti è di muoverci in questo modo: le messe feriali possiamo celebrarle come già indicato.

 

Per quanto riguarda l’amministrazione dei sacramenti, ritengo senz’altro che sia possibile celebrare il sacramento della confessione. Lo dico, perché, avendo accennato genericamente a “sospendere i sacramenti”, qualcuno aveva inteso che anche questo fosse escluso. Suggerisco tuttavia l’opportunità di celebrarlo in chiesa o in un luogo dove sia possibile mantenere una ragionevole e prudente distanza tra confessore e penitente. Per la celebrazione delle esequie (e dei matrimoni), è uscita, successivamente all’indicazione che ho inviato lunedì scorso, una precisazione da parte dei funzionari della regione. Essa dice testualmente: “Non si intendono sospese le celebrazioni di matrimoni ed esequie, civili e religiose, a condizione di permettere la partecipazione ai soli familiari”.

 

Pertanto se qualcuno ritiene opportuno seguire questa forma invece di quella indicata lunedì scorso, può farlo senza particolari problemi, avendo cura, tuttavia, di chiedere che sull’epigrafe sia chiaramente indicato che la partecipazione è limitata ai soli familiari. E, magari, suggerendo che la gente si distribuisca nella chiesa (specialmente se è grande) mantenendo una certa distanza gli uni rispetto agli altri. Se, invece, a motivo di una presunta partecipazione numerosa o semplicemente per non far differenze rispetto a quanto attuato la scorsa settimana, si preferisce continuare nel modo da me indicato lunedì scorso, ritengo che sia pienamente legittimo farlo;

 

 Per le celebrazioni festive di sabato e domenica prossima (7-8 marzo) chiedo la pazienza di attendere indicazioni più precise.

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×