17/06/2024sereno

18/06/2024sereno

19/06/2024velature lievi

17 giugno 2024

Montebelluna

Il Distretto “Città emporio” di Montebelluna ottiene un finanziamento di 220mila euro

Il progetto del Comune promosso da Ascom Montebelluna con il Mosaico e ICS ottiene il 28mo posto nella graduatoria su 55 progetti ammessi

| Margherita Zaniol |

| Margherita Zaniol |

vetrine

MONTEBELLUNA - Rientra anche il progetto “Per un Distretto del Commercio Innovativo e Sostenibile” presentato dal distretto “La Città Emporio” di Montebelluna tra i 55 ammessi al “Bando a supporto di progetti finalizzati alla rigenerazione urbana e alla ripresa economica nell'ambito dei distretti del commercio - Anno 2023”. La notizia è giunta con la pubblicazione della graduatoria messa a punto dalla Regione con cui sono stati individuati 55 progetti ammessi e finanziati, 15 ammessi ma non finanziati per esaurimento fondi e 10 non ammessi. Ai progetti finanziati sono destinati i 10 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione.

Tra questi 220.000 euro sono destinati alla “La Città Emporio” di Montebelluna che si era candidata con un progetto del valore di 331.675,13 euro. Progetto che vede Ascom Montebelluna soggetto promotore, Il Mosaico partner e ICS partner operativo e che vede coinvolte 8 aziende del territorio interessate ad investire in infrastrutture che avranno un ritorno in termini di economici e di sviluppo. Il principio cardine del bando era infatti quello dell’investimento che, grazie ai contributi finanziari regionali, diventa rilancio virtuoso in una azione sinergica tra le imprese partecipanti e le azioni di promozione e animazione territoriale, per la valorizzazione per tutta la città ed il commercio in generale. Tradotto questo significa che, nei prossimi anni, Montebelluna, e con essa le otto imprese partecipanti riunite in forma aggregata per partecipare al bando, potranno beneficiare di progetti e interventi specifici che guardano al futuro che porteranno ricadute dirette ed indirette per il rilancio economico-commerciale del montebellunese.

Commenta il Sindaco di Montebelluna: “E’ una notizia in cui credevamo e speravamo. Dopo la positiva esperienza del distretto della Città Emporio avvenuta con la prima tranche di finanziamenti ottenuti negli anni scorsi, di nuovo viene colta la bontà di un progetto che, in questo caso, si basa sulla collaborazione tra pubblico e privato. Una formula nuova che premia proprio quei distretti capaci di interesse relazioni tra i vari attori del commercio: istituzioni, associazioni di categoria ed imprese secondo un modello di economia circolare che avrà ricadute tanto per il privato quanto per il pubblico. Ricordo infatti che, a fronte l’investimento di 78mila euro circa da parte dell’amministrazione da destinare ad attività di animazione del distretto, ritornerà all’ente sottoforma di contributo regionale al termine dell’iter che ora prevede gli interventi da parte dei privati che dovranno essere eseguiti e rendicontati entro settembre 2025. Montebelluna si conferma città a vocazione commerciale e questo risultato ne è un ulteriore prova. Un ringraziamento particolare ai vertici di Ascom, in particolare al presidente Federico Capraro, al presidente e al responsabile della delegazione montebellunese, Paolo Mair e Christian Brugnaro e soprattutto ai commercianti che si sono messi in gioco con coraggio e intraprendenza”.

Aggiunge Federico Capraro, presidente di Ascom-Confcommercio Treviso: “Il riconoscimento è un grande risultato per la Città e il suo commercio. E’ il frutto di un percorso impegnativo cui Ascom ha dedicato risorse ma l’intuizione della Città emporio, aperta ed insieme laboriosa, fulcro di scambi e collegamenti ha portato un vero arricchimento ed un rafforzamento dell’identità. Questo passaggio segna una grande tappa anche nella storia amministrativa della Città che ha sempre dimostrato di saper cogliere tutte le opportunità”.

Prosegue Nicolò Alban di ICS: “Istituto Commercio Servizi SB SRL è stato un partner operativo nella fase di presentazione della domanda, e lo sarà anche durante la realizzazione del progetto fino alla sua rendicontazione finale. In questa tipologia di progetto finanziato con fondi europei a gestione regionale, è infatti molto importante che ci sia un soggetto in grado di garantire il monitoraggio ed il supporto per la gestione precisa della documentazione di spesa secondo gli standard dettati dal Bando per poter ottenere effettivamente il contributo assegnato”.
 


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 



Margherita Zaniol

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×