26 gennaio 2021

Montebelluna

Disturbi respiratori del sonno, ospedale di Montebelluna centro di riferimento: reportage di La7

La diagnostica è tra le più complete. Almeno 1200 le visite

|

|

ospedale montebelluna

MONTEBELLUNA - Esperienza, numeri e professionalità importanti per quello che è diventato il Centro di riferimento provinciale dell’Ulss 2 Marca trevigiana per i disturbi respiratori del sonno che si trova presso l’Uoc di pneumologia dell’ospedale di Montebelluna diretta dal dr. Riccardo Drigo.

Tanto che sabato prossimo, verso le 13, proprio il reparto di pneumologia di Montebelluna sarà protagonista di un reportage nella trasmissione Magazine di La7.

 

Il Direttore del San Valentino, infatti, è tra i pochissimi in Veneto ad essere iscritto ad uno specifico albo medico, mentre il presidio montebellunese è accreditato all’Aims, l'associazione italiana medicina del sonno: “Il San Valentino è riconosciuto con il secondo livello, il più alto, in quanto i disturbi del sonno vengono valutati non solo dal punto di vista cardiorespiratorio, ma anche da quello neurologico – sottolinea il direttore generale dell’Ulss 2 Marca trevigiana, Francesco Benazzi – Penso sia un orgoglio per il Distretto di Asolo avere simili professionalità che hanno in queste ore attirato anche l’interesse di trasmissioni televisive nazionali”.

 

Al San Valentino, infatti, si effettuano le polisonnografie standard che studiano il sonno anche a livello neurologico, mentre i numeri dei pazienti in cura sono molto alti. Basti pensare che le Cpap (strumento per la ventilazione meccanica a pressione positiva continua per il trattamento delle apnee del sonno) prescritti per i casi più gravi e sintomatici nel 2017, all’interno del Distretto di Asolo, sono stati circa 200. Almeno 1200 le visite per disturbi respiratori del sonno, 100 le polisonnografie standard, 250 le poligrafie cardiorespiratorie e 400 le poligrafie di screening effettuate l'ultimo anno.

 

“La nostra unità operativa ha una grande tradizione e vocazione sulla medicina respiratoria del sonno e sulla fisiopatologia respiratoria – conferma il primario Riccardo Drigo – Utilizziamo da più di una decina di anni determinate strumentazioni diagnostiche non molto diffuse Si tratta di metodi autorizzati dalla American Academy of sleep Medicine che trovano ragione in una diagnostica che necessità di una buona esperienza che al San valentino non manca”.

 



Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×