10 aprile 2020

Castelfranco

DONNA MORTA COL PARAPENDIO: I FRENI ERANO A ROVESCIO

Elemento che ora la Procura intende chiarire. Aperte le indagini

| | commenti | (1) |

| | commenti | (1) |

Borso del Grappa – I freni erano montati a rovescia. La Procura indaga sul caso della donna di origine bosniaca che domenica ha trovato la morte cadendo con il parapendio a Semonzo.

I cosciali, inoltre, come già emerso, non erano stati allacciati. Due elementi che per ora rappresentato delle disattenzioni, ma sulla vicenda della morte della 48enne Dvorka Mrsic potrebbero esserci anche dei colpi di scena.

Non si sa, per ora, chi era stato a preparare l’attrezzatura della donna. Non era inesperta. Possibile che non abbia fatto caso a due cose così importanti?

Per ora la Procura di Treviso ha aperto un fascicolo d’indagine, anche se non ci sono indagati. L’elemento dei freni montati a rovescia non può essere ignorato.

A constatare come stavano le cose, un istruttore di volo che casualmente si era trovato ad assistere all’incidente e che ha potuto esaminare le condizioni della donna e della sua attrezzatura poco dopo l’impatto.

 

Foto Balanza

 

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×