28/05/2022temporale

29/05/2022nuvoloso

30/05/2022nuvoloso

28 maggio 2022

Nord-Est

Donna morta a Trieste: ancora nessun indagato nella vicenda

Anche per esami oggetti trovati occorreranno altri 20 giorni

|

|

foto d'archivio

TRIESTE - A 13 giorni di distanza dal ritrovamento del corpo, non ci sono ancora indagati per la scomparsa e la morte di Liliana Resinovich.
Lo si apprende da fonti vicine agli inquirenti che indagano sul caso dell'ex dipendente regionale, scomparsa da casa il 14 dicembre e il cui corpo privo di vita è stato ritrovato in una zona boschiva nell'area dell'ex ospedale psichiatrico di Trieste il 5 gennaio scorso.

Le indagini proseguono in attesa degli esiti degli esami tossicologici - disposti all'indomani dell'autopsia - e degli accertamenti disposti sui reperti ritrovati sul corpo della pensionata di 63 anni, effettuati dalla Polizia Scientifica. Tra questi una borsetta a tracolla, vuota, che aveva al collo.

Secondo quanto si è appreso, anche per questi ultimi esami - come per quelli di natura tossicologica - occorrono in media una trentina di giorni. Considerando che sono cominciati una decina di giorni fa, non si attendono gli esiti prima di una ventina di giorni.

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×