06 maggio 2021

Altri sport

Altri sport

La due rocche festeggia i 50 anni e si tinge d'azzurro

Tanti i nomi importanti presenti. Da De Gasperi a Manzi, da Belotti a Desco, all’emergente Reiterer

|

|

CORNUDA - La Duerocche fa 50. Cinquanta candeline da spegnere su una torta che ha il gusto di una passione senza fine. Sabato 24 e domenica 25 aprile, tra Cornuda e Asolo, nel Trevigiano, si rinnova l’appuntamento con una delle manifestazioni podistiche più longeve d’Italia.

La prima edizione si è svolta nel 1972, poi la Duerocche si è sviluppata sino ai giorni nostri, coinvolgendo ogni anno migliaia e migliaia di appassionati. Unica eccezione, nel 2020, quando la manifestazione è stata fermata dall’emergenza sanitaria.

Un fatto, a suo modo, storico. Ma ora la grande corsa è pronta a ripartire. Sarà un’edizione ricca di novità: in un momento in cui la pandemia non può ancora dirsi sconfitta, il comitato organizzatore presieduto da Manuel Menegon ha dovuto fare di necessità virtù, limitando la partecipazione ai soli agonisti (muniti di tesseramento societario o Runcard), sviluppando il programma su due giornate e spostando le aree di partenza e d’arrivo dalla tradizionale via della Pace alla più ampia (e centrale) Piazza Giovanni XXIII.

Per un intero weekend, i sentieri sulle colline tra Cornuda e Asolo si riempiranno dunque di appassionati della corsa fuoristrada, pronti a lasciarsi conquistare dal fascino di un contesto storico e naturalistico con pochi eguali. Inserita nel calendario AICS come evento di preminente interesse nazionale, l’edizione 2021 delle Duerocche è avviata in queste ore a raggiungere i 1500 iscritti: molti sono nomi di primissimo piano nel panorama della corsa in montagna e del trail azzurro. Il miglior modo per festeggiare, a dispetto di mascherine e distanziamento, un’edizione che sarà comunque indimenticabile.

IL PROGRAMMA - Quest’anno a Cornuda si inizierà a correre nel pomeriggio di sabato 24 aprile. Prima partenza alle 15.30 con la prova Round Cross Country, sulla distanza di 13 km e con un dislivello positivo di 600 metri. Sempre sabato, ma in notturna (start alle 20), sul tragitto della Duerocche storica, si svolgerà la Pharmasport Asolo/Cornuda: 15 km con 710 metri di dislivello positivo. Domenica 25 aprile, toccherà alle due prove più impegnative: lo Scarpa Ultra Trail, 50 km con 2640 metri dislivello positivo, con partenza alle 7 (e record di iscritti: 400), e il Passsport Trail, 21 km con 1040 metri di dislivello positivo, con start alle 9. In palio tre punti ITRA per la gara sui 50 km e 1 punto ITRA per la 21 km. Le iscrizioni alle due gare più lunghe (50 e 21 km) sono già sold out. E’ invece ancora possibile iscriversi alle due gare più brevi (13 e 15 km in notturna). Obbligatorio essere tesserati e avere un certificato medico agonistico, perché, come detto, quest’anno la Duerocche avrà carattere esclusivamente agonistico.

TOP RUNNER – L’edizione 2021 della Duerocche sarà colorata d’azzurro. Nella 50 km sarà al via Marco De Gasperi, oggi anche manager dell’azienda Scarpa, sei volte campione mondiale di corsa in montagna, un autentico mito della disciplina. Tra gli atleti più accreditati, l’emergente altoatesino Andreas Reiterer, azzurro ai Mondiali di trail di Miranda do Corno (2019) e campione italiano di trail lungo nel 2020. Poi Riccardo Borgialli, Daniel Jung, Francesco Trenti e il trevigiano Ivan Geronazzo. Al femminile, l’azzurra di Valdobbiadene, Cristiana Follador, la vincitrice dell’ultimo Trail del Patriarca, Nicol Guidolin, e Alessandra Olivi. Emanuele Manzi, sei volte campione mondiale a squadre di corsa in montagna, poi diventato un asso a livello internazionale nelle gare all’interno dei grattacieli, è il nome più in vista nella 21 km, dove puntano al podio anche il trevigiano Alessio Camilli, Matteo Pigoni e Lorenzo Beltrami. Mentre tra le donne, è annunciata l’azzurra Elisa Desco, campionessa mondiale di skyrunning nel 2014. Un’avversaria importante per Giulia Pol, Fabiola Conti, Silvia Sangalli e Kristel Mottin. Enrico De Noni e Laura Betto sono i favoriti nella 15 km in notturna. Nella 13 km che aprirà il weekend di gare altre due miti della corsa in montagna: il trevigiano Lucio Fregona (che domenica farà il tifo per il figlio Roberto, impegnato nella 21 km) e Valentina Belotti, un oro e tre argenti individuali ai campionati mondiali di corsa in montagna, campionessa italiana 2020 di chilometro verticale. Tanti nomi per una Duerocche grandi firme.

IL PROTOCOLLO DI SICUREZZA – Per garantire il distanziamento interpersonale e il rispetto delle normative in materia di contenimento del Covid-19, le partenze della Duerocche 2021 avverranno per gruppi di 50 atleti con un intervallo di circa 30” . Gli atleti indosseranno la mascherina per alcune centinaia di metri. Le classifiche saranno basate sul real time: il cronometraggio scatterà nel momento in cui l’atleta transiterà sulla linea di partenza. Nei punti di sosta lungo il percorso saranno disponibili solo monoporzioni sigillate e, una volta giunti al traguardo, gli atleti non troveranno il tradizionale ristoro finale, ma un sacchetto con prodotti alimentari. “Non è prevista la presenza di pubblico e non faremo il Pasta Party. Lungo i percorsi saranno dislocati circa 200 volontari. La sicurezza per tutti i partecipanti verrà prima di ogni altra cosa”, spiega il presidente Menegon. Particolare importante: tutti gli atleti che concluderanno la prova, indipendentemente dalla distanza percorsa, riceveranno sul traguardo la medaglia di finisher. L’ultima emozione di una domenica da ricordare.
 

 

Altri Eventi nella categoria Altri sport

rally
rally

Altri sport

In condizioni a dir poco proibitive il portacolori di Xmotors Team spiazza l'agguerrita concorrenza dell'International Rally Cup e si candida ufficialmente per il titolo

Avbelj vince il Rally del Piancavallo

MASER – Anche all'International Rally Cup passa lo straniero e sul podio del Rally Piancavallo numero trentaquattro sventola la bandiera slovena di Boštjan Avbelj, vincitore assoluto dell'appuntamento friulano ed ora pretendente numero uno al titolo 2021.
 

Chiara Centenaro
Chiara Centenaro

Altri sport

Cinque centimetri di progresso per la sedicenne veneziana: da tre stagioni un’under 18 non saliva tanto in alto. L’allievo Giacomo D’Alessandro a 56.27 nel martello

Atletica / San Biagio, Centenaro a 3,80 nell'asta

SAN BIAGIO DI CALLALTA - E’ di una sedicenne il risultato più significativo della seconda giornata del meeting regionale assoluto di San Biagio di Callalta.

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×