06 maggio 2021

Castelfranco

Genitori e insegnanti in piazza per mantenere sempre aperte le scuole

Domani pomeriggio manifestazione in piazza Giorgione per il diritto alla scuola in presenza.

| Leonardo Sernagiotto |

immagine dell'autore

| Leonardo Sernagiotto |

Genitori e insegnanti in piazza per mantenere sempre aperte le scuole

CASTELFRANCO - «La scuola è aperta a tutti» recita l’articolo 34 della nostra Costituzione. In difesa di questo diritto si è formata la rete nazionale “Scuola in presenza”, a cui ha aderito anche “Io esisto” di Castelfranco, un gruppo apolitico e informale di genitori e insegnanti della Castellana, uniti per discutere e risolvere i problemi di bambini e ragazzi e per dialogare con amministratori e politici, al fine di mantenere sempre aperta la scuola, anche in zona rossa.

Per sensibilizzare la cittadinanza riguardo i problemi della scuola e soprattutto della salute psicologica degli studenti, pesantemente penalizzati a livello sociale ed educativo dalla didattica a distanza, si terrà domani pomeriggio, alle 16, un flash-mob in piazza Giorgione, lungo il fossato del castello. L’evento è autorizzato dalle autorità e potrà essere raggiunto anche da fuori comune con autocertificazione.

Alla base della manifestazione c’è il rifiuto dell’idea della scuola come luogo di contagio, in quanto i protocolli sanitari della scuola sono rigidissimi. «L’epidemiologa Sara Gandini, docente dell’Università Statale di Milano, ha condotto con alcuni colleghi uno studio analizzando i dati riguardanti il 97% delle scuole italiane in un arco da settembre a dicembre 2020. È emerso che le scuole non sono la causa della seconda ondata e che le percentuali di contagio all’interno delle scuole sono bassissime» comunicano dal gruppo.

La Dad è dunque vista come una soluzione di emergenza e assolutamente temporanea, che non può in alcun modo sostituire la didattica in presenza. Oltre ai problemi di apprendimento, gli studenti, soprattutto adolescenti, stanno inoltre sviluppando problemi psicologici e psicosomatici dovuti alla chiusura delle scuole.

Uno dei nodi da risolvere sembra essere invece il trasporto ed è lì che la politica deve lavorare per garantire la sicurezza degli studenti. Infine, genitori e insegnanti guardano anche al futuro: «Bisogna lavorare adesso in vista di possibili nuove ondate pandemiche in autunno. Non si può arrivare ad ottobre con l’unica soluzione di chiudere di nuovo tutte le scuole».

 



foto dell'autore

Leonardo Sernagiotto

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×