21 febbraio 2020

Esteri

Germania, reagisce a sputo alla fidanzata: ingegnere italiano ucciso a Monaco

commenti |

commenti |

Germania, reagisce a sputo alla fidanzata: ingegnere italiano ucciso a Monaco

POTENZA - E' stato ucciso con una coltellata al petto, presumibilmente al cuore, per aver difeso la ragazza dopo uno sputo da parte dell'assassino: è questa la ricostruzione della polizia tedesca dell'omicidio di Domenico Lorusso, 31 anni, originario di Potenza, ucciso martedì sera a Monaco di Baviera, in un parco pubblico vicino al fiume Isar.

La polizia sta continuando a cercare l'assassino, hanno riferito all'Adnkronos fonti del consolato generale d'Italia a Monaco di Baviera, precisando che la vittima e l'omicida non si conoscevano. "La colluttazione - hanno spiegato le fonti - è stato un fatto puramente casuale", l'assassino "era una persona sconosciuta, i due si sarebbero incontrati per caso per strada, non è stata una lite per gelosia".

Dal consolato sono stupiti per quanto successo perché "episodi come questo sono molto rari qui, è una delle città più sicure d'Europa. E' veramente incredibile". La polizia, hanno aggiunto le fonti, sta fornendo "molto sostegno", "abbiamo visto da parte delle autorità un grandissimo impegno, hanno anche fatto chiamare la famiglia da qualcuno che parlasse italiano".

E' stata effettuata, intanto, l'autopsia sul cadavere dell'ingegnere lucano 31enne e l'autorità giudiziaria tedesca ha concesso il nulla osta per il trasferimento della salma in Italia. Lorusso lavorava a Monaco di Baviera in una società aeroportuale.

Martedì sera con la fidanzata, anche lei potentina, stava facendo una passeggiata in bici sulla pista ciclabile di un parco pubblico che costeggia il fiume Isar. Lo sconosciuto aggressore, probabilmente un balordo ubriaco, avrebbe sputato verso la ragazza. Quando lo ha saputo, Lorusso ha fermato la bici e si è rivolto allo sconosciuto per chiedere spiegazioni. La situazione è degenerata e l'assassino ha estratto un coltello ed ucciso il 31enne con un solo fendente, per poi scappare.

Alla scena ha assistito proprio la fidanzata che ha chiamato i soccorsi. Quando è arrivata l'ambulanza, l'ingegnere potentino respirava ancora. Trasportato nell'ospedale più vicino, poco più tardi è deceduto. La polizia ha fatto appello ai testimoni per fornire elementi in modo da ricostruire con maggiore precisione l'identikit dell'assassino.

(Adnkronos/Ign)

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×