05 aprile 2020

Esteri

Germania, strage ad Hanau: almeno 9 morti

| commenti |

| commenti |

Germania, strage ad Hanau: almeno 9 morti

Almeno 9 persone sono rimaste uccise nel corso di due sparatorie ad Hanau, cittadina tedesca ad una ventina di chilometri a est di Francoforte, in Assia. Diverse persone sono rimaste ferite, di cui almeno 5 in gravi condizioni. I dettagli di quanto accaduto ancora non sono chiari, ma secondo le prime informazioni, il killer ha preso di mira due diversi shiha-bar (locali dove si fuma il narghilè) frequentati dalla comunità turca della città. La polizia ha reso noto che una persona sospettata di essere l'autore della strage è stato trovato morto nella sua abitazione accanto al corpo senza vita di un'altra persona. Secondo il tabloid Bild, il killer identificato come Tobias R., sarebbe un cittadino tedesco in possesso di regolare porto d'armi. Diverse munizioni sarebbero state trovate nella sua auto.

 

L'uomo avrebbe lasciato una lettera e un video nel quale fornisce le motivazioni del suo gesto, dove emergono visioni estremiste di destra. Nella lettera, il killer parlerebbe tra l'altro della necessità di uccidere gli immigrati che non possono essere espulsi dalla Germania con altri mezzi. La prima sparatoria ha avuto inizio introno alle 22 di ieri, in un bar del centro cittadino, mentre la seconda è avvenuta in un altro bar del quartiere di Kesselstadt. I clienti, secondo quanto riferito dai media locali, sarebbero stati in maggioranza di origine curda. Le sparatorie hanno innescato una lunga caccia all'uomo durata sette ore, mentre la polizia era in cerca di più assalitori. Un primo bilancio delle vittime parlava di otto morti, prima che uno dei feriti soccombesse a causa delle lesioni riportate. Merkel - "Stamattina i pensieri vanno agli abitanti di Hanau, nel cuore della quale è stato commesso questo terribile crimine". Lo ha affermato su Twitter il portavoce della cancelliera tedesca, Angela Merkel, commentando la strage. "Profonda solidarietà alle famiglie colpite, che sono in lutto per i loro morti", ha dichiarato in un tweet Steffen Seibert auspicando una "rapida" guarigione dei feriti.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×