02 luglio 2020

Ambiente

Giù lo smog soprattutto a Roma, -71% NO2 ad aprile.

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Giù lo smog soprattutto a Roma, -71% NO2 ad aprile.

Roma, 28 mag. - (Adnkronos) - Nel periodo di lockdown, complice il blocco del traffico, si registra un netto calo dell’inquinamento soprattutto per il crollo del biossido di azoto (NO2). Il crollo principale di NO2 è avvenuto a Roma, dove le concentrazioni medie sono inferiori alle annualità precedenti (2016-2019) rispettivamente del 59% per il mese di marzo e del -71% per il mese di aprile. Lo rileva “MobilitAria 2020”, lo studio annuale di Kyoto Club e Istituto sull’Inquinamento Atmosferico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Iia) che fotografa la qualità dell'aria e le politiche di mobilità urbana nelle 14 principali città e aree metropolitane italiane nel periodo 2019-2020.

A Torino il calo è del -43% per il mese di marzo e -51% per il mese di aprile; a Milano si è avuta una riduzione del -29% e -43% rispetto alla media dello stesso periodo 2016-2019, mentre Napoli registra rispettivamente una riduzione del -33% e -57%.

Ma cosa fare per rendere questi miglioramenti 'strutturai' e perdere questo dato positivo con la ripresa?Bisogna accelerare la transizione verso la mobilità sostenibile anche se, sottolinea il Kyoto Club, mentre le città provano ad attrezzarsi il Dl Rilancio appena licenziato dal Governo si dimostra timido e insufficiente a contrastare la crescita della congestione e del traffico che in modo progressivo tornerà ad invadere le nostre città dopo la ripartenza.

Le proposte di Kyoto Club e Cnr Iia: potenziare lo smart working e i servizi di prossimità per decongestionare le città; pianificare gli orari di ingresso nel lavoro, nelle scuole, nei servizi pubblici e privati, nei servizi commerciali per ridurre le ore di punta e utilizzare al meglio gli spazi ed i servizi disponibili; allargare i servizi di sharing mobility, promuovere la mobilità ciclistica attraverso l’ampliamento delle piste ciclabili e dei servizi ai ciclisti; sostenere il trasporto pubblico; potenziare la figura del mobility manager; riorganizzare la logistica in maniera sostenibile; puntare sull’elettrificazione dei veicoli e mantenere ztl e low emission zone.

"Sembra evidente che l'uscita dalla crisi pandemica ci pone di fronte a un bivio - commenta il vicepresidente di Kyoto Club, Francesco Ferrante - Prevarrà la spinta 'conservatrice' di chi pensa che la migliore risposta alle esigenze di distanziamento sociale sia quella di rinchiudersi nella propria auto privata magari incentivando l'acquisto dei modelli rimasti invenduti in questi mesi, o piuttosto vincerà un modello più moderno che si basa sul forte potenziamento del trasporto pubblico locale, dello sharing, delle forme di mobilità dolce e sostenibile e che incentivi l'innovazione tecnologica accelerando l'uscita dall''era fossile' anche nei trasporti?"

"Solo se saremo in grado di far vincere la seconda opzione - continua il vicepresidente di Kyoto Club - potremo tornare a vivere in città di nuovo belle, accoglienti, piene di vita e di aria pulita".

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×