03/03/2024molto nuvoloso

04/03/2024nubi sparse e rovesci

05/03/2024pioggia debole e schiarite

03 marzo 2024

Cronaca

Giulia Cecchettin uccisa con un coltello da cucina: morta in pochi minuti. Turetta: "Ho fatto una cosa orribile"

L'arma sequestrata nell'auto del 21enne. All'ex fidanzato la procura contesta omicidio volontario aggravato, sequestro di persona e occultamento di cadavere

|

|

Giulia Cecchettin

VENEZIA - Filippo Turetta ha usato un solo coltello per uccidere Giulia Cecchettin che è morta in pochi minuti. E' uno dei dettagli che emerge dopo l'autopsia sul corpo della 22enne. Un dettaglio che sarebbe stato confermato anche nell'ampia confessione resa dal giovane davanti al pm di Venezia Andrea Petroni.

Il coltello spezzato, con una lama lunga 21 centimetri, trovato nel parcheggio di Vigonovo (Venezia) a circa 150 metri dalla villetta della vittima, non sarebbe stato quindi usato. E' più che verosimile, ma la certezza assoluta la daranno le analisi del Ris di Parma, che Turetta abbia usato il coltello da cucina, con una lama da 12 centimetri, trovato e sequestrato nell'auto con cui è fuggito in Germania, per colpire l'ex fidanzata almeno una ventina di volte.

Dall'autopsia emerge anche che la vittima è morta in pochi minuti per la serie di coltellate che Turetta le ha inferto. Nessun colpo ha reciso le principali arterie, ma quegli affondi - insieme al trauma dovuto all'aver sbattuto la testa contro l'asfalto - hanno portato al decesso per dissanguamento. L'autopsia ha restituito la mappa dettagliata dei fendenti ma anche delle abrasioni di quando Giulia è stata buttata in una scarpata vicino al lago di Barcis, lontana più di 100 chilometri dalla zona industriale di Fossò dove è morta, intorno alle 22.40, sabato 11 novembre scorso. Il decesso colloca la competenza territoriale a Venezia, procura che contesta all'arrestato l'omicidio volontario aggravato, il sequestro di persona e l'occultamento di cadavere.

L'autopsia non ha invece svelato segni evidente di nastro adesivo ai polsi, il che lascia ipotizzare che Giulia tra l'aggressione nel parcheggio di Vigonovo alla zona industriale sia stata tenuta ferma in auto sotto la minaccia del coltello, oltre che dalla paura di essere uccisa. Il nastro adesivo, invece, secondo l'ordinanza di custodia cautelare, è stato messo da Turetta sulla bocca dell'ex fidanzata per impedire a Giulia di urlare.

 

Filippo Turetta al pm: "A Giulia ho fatto una cosa orribile".

Mia o di nessun altro. E' tutto qui, a volerlo sintetizzare, il movente che Filippo Turetta usa per spiegare l'omicidio dell'ex fidanzata. Ha evocato la dipendenza affettiva per tentare di mettere ordine nelle due fasi dell'aggressione e poi nella scelta di farla sparire. Ha tirato in ballo l'amore, per poi scandire ogni singolo terrificante dettaglio di quel delitto.

Davanti al gip di Venezia Andrea Petroni è apparso a volte impaurito, ma poi ha parlato per nove ore e ha messo in fila fatti ed emozioni della serata di sabato 11 novembre. A Giulia "ho fatto una cosa orribile, voglio pagare" ha ripetuto più volte. Ha gridato il suo "amore" per lei e si è detto "incapace di accettare la fine di quella storia", una relazione chiusa dalla studentessa di Ingegneria biomedica la scorsa estate. "Mia" è un aggettivo che ha usato spesso, a differenza di "ex" fidanzata che gli suona stretto, a tal punto da affondare più volte il coltello contro di lei.

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×