05 aprile 2020

Vittorio Veneto

Grandi numeri per il Natale a Vittorio Veneto: 40mila persone e 120mila euro di spesa

Ora, tirando le somme, si deve fare i conti con un buco di circa 15mila euro

| Claudia Borsoi | commenti |

| Claudia Borsoi | commenti |

Grandi numeri per il Natale a Vittorio Veneto: 40mila persone e 120mila euro di spesa

VITTORIO VENETO – Presenze stimate in 40mila persone, quasi il doppio rispetto alla passata edizione. Villaggio di Natale che ha lavorato oltre le aspettative, mentre la pista per il pattinaggio sul ghiaccio ha registrato un calo di attenzione.

 

Meno soldi da sponsorizzazioni e da commercianti, maggiori invece i contributi concessi dal Comune di Vittorio Veneto e da una banca. Il costo organizzativo dell’edizione 2019 di “Vittorio Veneto sotto l’albero”, complice anche il Capodanno in piazza, è salito spesa dopo spesa a 120mila euro e ora, tirando le somme, si deve fare i conti con un buco di circa 15mila euro.

 

Tempo di bilanci per le iniziative natalizie curate da Ascom Vittorio Veneto, Confartigianato Vittorio Veneto, Pro Loco Vittorio Veneto e dall’associazione Città del Benestare. Oggi pomeriggio, venerdì, il gruppo di organizzatori si è ritrovato per tracciare un bilancio dell’edizione 2019. Se quella del 2018 si era chiusa pareggiando entrate ed uscite, quella 2019 si chiude con il segno meno.

 

«Ci troviamo con una patata bollente tra le mani – ammette Giuseppe Partata, presidente dell’associazione Città del Benestare -, ma in qualche modo ripianeremo il buco di circa 15mila euro. Speriamo che qualche sponsor ci dia una mano. Nonostante questo, siamo rimasti molto soddisfatti di questa edizione: le presenze sono state quasi il doppio rispetto al 2018, la città da nord a sud è stata illuminata per la prima volta in modo uniforme, il villaggio di Natale in piazza del Popolo ha ottenuto ottimi riscontri, come pure piazza Meschio e le piazze di Serravalle e di Ceneda hanno risposto. L’edizione 2019 quanto a partecipazione è andata oltre le aspettative. Ora non ci fermiamo: c’è da pensare a Victor e poi al Natale 2020».

 

Oltre a sponsor e commercianti, anche i cittadini hanno sostenuto gli eventi con le loro offerte nei salvadanai posti nei negozi e nei locali: sono stati raccolti un paio di migliaia di euro.

 

«Il Natale – commenta Michele Paludetti presidente di Ascom Vittorio Veneto – è andato molto bene, ovvio che qui come altrove non sono più i Natali di una volta, ma ci siamo dati tutti da fare per portare gente in città. Abbiamo contato nell’arco del mese circa 40mila presenze rispetto alle 25mila della passata edizione». E quanto al disavanzo, spiega: «Più eventi, il Capodanno, nuovi adempimenti per la sicurezza, varie ed eventuali hanno fatto lievitare i costi. Abbiamo chiuso un po’ sotto ma non ci fermiamo. Inizieremo a programmare il prossimo Natale partendo dal debito».

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×