08 marzo 2021

Italia

Grillo si scaglia contro la Costituzione

''l'eletto può fare, usando un eufemismo, il cazzo che gli pare senza rispondere a nessuno''

|

|

Grillo si scaglia contro la Costituzione

ROMA - Tra una corsetta sulla spiaggia in versione incappucciato, facendosi beffe dell'assedio di cronisti e fotografi, Beppe Grillo concede un'altra intervista alla stampa straniera, il 'Time' e il 'New York Times' questa volta, e si scaglia in un nuovo post contro la ''circonvenzione di elettore'' praticata in Parlamento, prendendo di mira quelli che cambiano partito e casacca senza incorrere in alcuna sanzione. Il tutto mentre si attende il suo arrivo a Roma per la prima riunione degli eletti Cinque Stelle.

Sul suo blog Grillo si scaglia contro l'articolo 67 della Costituzione che prevede che il parlamentare eserciti le sue fuinzioni ''senza vincolo di mandato''. Insomma, scrive il leader del M5S , ''l'eletto può fare, usando un eufemismo, il cazzo che gli pare senza rispondere a nessuno''. ''Si può passare dalla destra alla sinistra, dal centro al gruppo misto, si puo' votare una legge contraria al programma. Insomma, dopo il voto il cittadino puo' essere gabbato a termini di Costituzione''.

Un tradimento nei confronti degli elettori che, ''è così praticato da essere diventato scontato, legittimo, la norma - scrive Grillo sul suo blog - Non dà piu' scandalo. Viene concesso al parlamentare libertà preventiva di menzogna, può mentire al suo elettore, al suo datore di lavoro, senza alcuna conseguenza invece di essere perseguito penalmente e cacciato a calci dalla Camera e dal Senato''.

''Se è chiaro, anche al sentire comune, cosa si intende per circonvenzione di incapace, dal vocabolario Zingarelli della lingua italiana: "induzione di persona minore o inferma o psichicamente deficiente a compiere un atto giuridico dannoso per lei o altri al fine di trarne un profitto per se' o altri", non e' ancora percepito il significato di "circonvenzione di elettore" -scrive il leader del M5S- Si tratta di una pratica molto comune nel Parlamento Italiano, adottata da voltagabbana, opportunisti, corruttibili, cambiacasacca''.

A Marina di Bibbona, intanto, Grillo continua a 'giocare' con cronisti, fotografi e cineoperatori che da giorni assediano la sua villa al mare. Anche questa mattina il leader del M5S è uscito mascherato, con piumino e cappuccio integrale a nascondergli il volto, per fare jogging sulla spiaggia. Una corsetta di una ventina di minuti, con dribbling tra cronisti e telecamere, senza mai rispondere alla solita raffica di domande.

Dopo pranzo Grillo dovrebbe partire per la volta di Roma, dove dovrebbe incontrare i neo eletti del M5S.

In vista dell'arrivo in Parlamento, i nuovi eletti si stanno incontrando in un albergo nel quartiere Esquilino della capitale. Al momento sono arrivati una settantina di neo parlamentari, ma alla spicciolata dovrebbero arrivare tutti i 163 eletti. Il summit che sta iniziando in una saletta affittata per l'occasione, tutte le sedie rigorosamente disposte in cerchio, non è la riunione di cui si vociferava in questi giorni e alla quale dovrebbe prendere parte Beppe Grillo.

Bocche cucite sull'arrivo del leader, che dovrebbe incontrare i parlamentari tra oggi e domani ma che al momento è ancora in Toscana. I più hanno mangiato un trancio di pizza in un forno, a pochi passi dall'hotel Saint John. I neo eletti M5S non sono intenzionati a rivelare ai cronisti quando avverrà l'incontro con il loro leader. La saletta al Saint John e' stata affittata solo per oggi, almeno al momento, dunque non e' detto che l'incontro con Grillo avvenga in questo stesso albergo.
 

 



vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×