27 febbraio 2020

Conegliano

IMBAVAGLIATA IN CONSIGLIO COMUNALE

Marina Buffoni protesta clamorosamente per l'esclusione dalla maggioranza cittadina

| commenti | (4) |

| commenti | (4) |

Conegliano. Una protesta silenziosa ma clamorosa quella di Marina Buffoni: ieri sera ha preso parte al Consiglio comunale indossando un fazzoletto bianco a mo' di bavaglio. L'imbavagliamento è durato cinque minuti ma anche dopo essersi liberata del bavaglio fisico, la capogruppo di AN è rimasta in silenzio e non è interventua neanche una volta nel dibattito consiliare.

Un silenzio di protesta nei confronti di quanti l'hanno esclusa dalla maggioranza cittadina di centro desta e anche una sfida nei confronti di quegli ex compagni di coalizione che più volte avrebbero voluto tapparle la bocca su temi scomodi.

Nell'imbarazzo generale di asessori e consiglieri comunali coneglianesi, solo il forzista Bruno Zanette ha replicato alla clamorosa manifestazione della Buffoni, definendola una vergogna. "Non volevo mancare di rispetto - ha ribattuto la consigliera comunale - ma ho capito che in questa maggioranza non c'è spazio per il dialogo".

L'esclusione ufficiale di Marina Buffoni dalla maggioranza che governa Conegliano è stata motivata dai capigruppo di Forza Italia, Stefano Dugone, Udc, Giuseppe D’Altoè e Lega Nord, Giovannni Bernardelli: «Il voler procedere a strattoni, disconoscendo il patto, l’organizzare raccolte di firme o manifestazioni di piazza è legittimo ma cozza irrimediabilmente con lo spirito che muove tutta la squadra. Tanto più se tutti questi processi non sono mai stati portati a conoscenza, condivisi o discussi con la maggioranza. A ciò si è aggiunta la discussione sul bilancio dove si attaccava, senza se e senza ma, la maggioranza, e il sindaco, non partecipando al voto. Il bilancio è l’atto più importante di una maggioranza, l’astensione ad esso corrisponde al non riconoscersi più nella maggioranza e quindi a non esserne più parte».

«Una decisione che è un atto arbitrario e unilaterale - aveva replicato seccamente la signora della politica coneglianese - dettato dalla volontà di arroccarsi più su posizioni ottuse che sui veri problemi della città. Tanto più che non c’è regolamento che preveda questo tipo di comportamento e che An sia dentro o fuori viene deciso a livello provinciale. Ritengo che Buffoni e An, facciano ancora parte di questa maggioranza e chi pensa che la politica della Buffoni sia lontana da quella di An, rispondo di essere stata attenta alle disposizioni del mio partito anche sulla difesa del piccolo commercio».

In foto: Marina Buffoni imbavagliata al consiglio comunale di ieri sera

 

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×