29/01/2022velature sparse

30/01/2022sereno

31/01/2022foschia

29 gennaio 2022

Rugby

Rugby

ITALIA, TRACOLLO A TWICKENHAM

Semenzato: «Dimentichiamo al più presto questa partita»

| |

| |

ITALIA, TRACOLLO A TWICKENHAM

TWICKENHAM - Nella seconda giornata del Sei Nazioni troppo forte l'Inghilterra per l'Italia.

Mallett prova a giocare palla al largo, ma viene punito: azzurri in partita sino al 25', poi però è un monologo inglese. La nazionale della Rosa segna la bellezza di otto mete (quattro di Ashton che sale a sei in due gare!), dimostrando di essere assolutamente la squadra da battere del Sei Nazioni 2011.

L'Italia prova a gettarsi in attacco, e viene subito bucata dal solito Chris Ashton, già autore di due mete contro il Galles. Partenza ad handicap, ma gli azzurri hanno subito la reazione di carattere che ci si attende e fanno punti con il piede di Bergamasco. L'Inghilterra dà subito l'impressione di poterci far male a ogni pié sospinto, gli azzurri però sono bravi a reggere il colpo e rimanere in partita. E' 10-6 (per gli altri) sino al 25', quando Ashton, ancora lui, riceve dal Hape e, dopo una bella veronica su Bergamasco, schiaccia in meta per la seconda volta. L'Italia va in apnea, e al 30' ecco il terzo sigillo inglese, questa volta grazie a una splendida azione corale che premia Mark Cueto.

L'Italia concede troppo ad avversari troppo più organizzati e finisce per subire ancora: al 36' tocca al capitano, Mike Tindall, segnare la quarta meta del XV dei Leoni, che chiudono il primo tempo sul 31-6.

Se il primo tempo si era chiuso in salita, la ripresa diventa una montagna da scalare quando, al 44' il pignolo arbitro sudafricano Joubert mostra a Castrogiovanni il cartellino giallo, che lascia gli azzurri in 14 per 10'. L'Italia non mette praticamente mai il muso nella metà campo avversaria, e al 55' viene punita ancora: Banahan viene placcato a 1 metro dal traguardo, e allora ci pensa Ashton (e fanno tre), a chiudere in meta per il 38-6 inglese.

L'Italia ormai non placca più, la fatica della partita viene a galla, e i ragazzi di Martin Johnson non mollano la presa: al 58' Danny Care finta un paio di passaggi e si mette in proprio per il 45-6.

Al 70' arriva la meta con la maul, quella che si richiedeva alla vigilia. E' Ongaro (ex Benetton) a schiacciare per gli applausi di Twickenham, che premiano gli azzurri. La partita però non è ancora finita: c'è tempo per vedere altre due mete inglesi, che fanno otto totali. Prima segna James Haskell poi arriva il quarto sigillo personale di Chris Ashton, che guadagna anche la palma di "man of the match". Finisce 59-13, un risultato pesante: da dimenticare, e anche in fretta.

FABIO SEMENZATO (numero 9 Italia, nella foto): "Concediamo troppo sull'uno contro uno e questa volta anche sulle fasi statiche. Quello che ci hanno rubato in touche lo hanno concretizzato. Meglio dimenticare al più presto questa partita. Ho fatto il mio, ma non è bastato". Semenzato, mediano di Mischia Benetton, oggi era all'essordio in maglia azzurra.

L'Italia dunque esce con le ossa rotte da uno scontro in cui il massimo risultato era non sfigurare: tante touche perse, pochi tentativi verticali la speranza è che questa batosta non affossi anche il morale degli uomini di Nick Mallett, che dopo la sosta, deve inventarsi qualcosa contro il Galles al Flaminio (sabato 26 febbraio).

 

Altri Eventi nella categoria Rugby

foto d'archivio
foto d'archivio

Rugby

Il Benetton Rugby giocherà venerdì sera in Galles

La formazione dei Leoni per la trasferta di Newport

TREVISO - Domani, venerdì 28 gennaio alle ore 20.35, i Leoni torneranno in campo per disputare l'undicesimo round di United Rugby Championship.

Nahuel Tetaz Chaparro
Nahuel Tetaz Chaparro

Rugby

A fare il punto della situazione per il Benetton Rugby è Nahuel Tetaz Chaparro, che ha militato tra le fila della squadra gallese nella stagione 2013/2014

"Contro i Dragons la mischia sarà fondamentale"

TREVISO - Messa da parte la finestra dedicata alla Challenge Cup, i Leoni tornano a posare il focus sullo United Rugby Championship.

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×