31 ottobre 2020

Montebelluna

Le Grave di Ciano trasformate in una discarica

Eco vandali hanno lasciato nel greto del Piave, in località Santa Mama, una grande quantità di rifiuti

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

rifiuti nel Piave

CROCETTA DEL MONTELLO – L’intera comunità locale si sta adoperando per la tutela di una delle aree naturalistiche di maggior pregio del Veneto, vale a dire le Grave di Ciano del Montello, ma evidentemente c’è ancora chi si ostina a trattare senza alcun rispetto un habitat che la stessa Unione Europea ha decretato degno di protezione speciale (ZPS oltre che Sic, sito d’importanza comunitaria).

A segnalare lo scempio fatto, con ogni probabilità da un nutrito gruppo di gitanti, il consigliere comunale di minoranza Loreno Miotto che ha pubblicato nella sua pagina social la foto di un cumulo di rifiuti (piatti di plastica, bottiglie di vetro, ecc.) abbandonati nel bel messo di un boschetto nel greto del Piave: “Più volte sono sceso lungo il sentiero per arrivare al Piave (Santa Mama) – commenta -, ma questo non l’avevo mai visto. É una vergogna”.

Tantissime le reazioni di sdegno anche perché a pochi passi dai rifiuti qualcuno ha avuto la stramba idea di piantare un cartello d’insulti rivolti agli eco vandali. Un dispendio di energie che forse era più utile investire nella pulizia dell’area, tant’è che qualcuno ha commentato: “Una vergogna certo, ma non condivido il gesto di chi ha messo quel cartello. Chi ha il coraggio di imbrattare l'ambiente si nutre anche di quelle parole, per sfida o per esprimere lotta contro la società”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttore responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×