20 ottobre 2020

Treviso

Maturità 2018: a Treviso gli studenti scelgono analisi del testo e Costituzione

"Tracce alla portata con tanti spunti sull'attualità", domani tocca a matematica, greco e lingua straniera

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Maturità 2018: a Treviso gli studenti scelgono analisi del testo e Costituzione

Lisa, Giada e Marta, maturande dell'istituto Besta

TREVISO - “Giorgio Bassani non lo abbiamo studiato, è un poeta troppo recente, ma l’analisi del testo lasciava spazio all’argomentazione, trattando temi come l’emarginazione e l’antisemitismo molto attuali anche oggi”. Questa una delle motivazioni per cui tanti studenti, oggi alle prese con la prima prova dell’esame di maturità, hanno scelto l’analisi del testo, il "Giardino dei Finzi Contini”, dello scrittore e poeta italiano Bassani.

La prova è iniziata alle 9 del mattino e verso già prima delle 13 i primi studenti hanno concluso il tema di sei ore.

Tra i primi ad uscire due ragazze del liceo linguistico Canova: “Ho scelto la prima traccia - Bassani appunto - racconta Anna Cendron (nella foto sopra) della V° A linguistico - partendo dal problema dell’emarginazione ho fatto una riflessione con l’attualità parlando del problema che in questi giorni sta scuotendo l’America: ovvero la separazione tra i bambini e i loro genitori per la campagna di tolleranza zero sull’immigrazione di Trump”.

Analisi del testo scelta anche da Veronica Dall’Armi di V°F (nella foto sopra): “Il testo era piuttosto semplice e offriva molti spunti di riflessione - dice soddisfatta e con la testa già alla seconda prova, di domani. “Domani per noi tocca alla lingua straniera, ci sarà inglese, ma sono piuttosto tranquilla” - ammette Veronica che ha già le idee chiare per il suo futuro: “Ho scelto Beni Culturali a Trento. Ho già fatto l’esami di ammissione e sono passata. Mi trasferirò lì per studiare”.

Tra le tracce, quella sulla Costituzione per il tema di ordine generale, era la più attesa dai maturandi: “Sapevamo che poteva capitare visto il 70esimo anno dall’entrata in vigore” - spiegano Lisa Meneguz e Giada Tosatto della classe quinta ad indirizzo socio-sanitario dell’istituto Besta - Trattava il principio di uguaglianza di tutti i cittadini, ci eravamo preparate su questo argomento e abbiamo potuto toccare temi studiati nel nostro corso di studi”. Le ragazze tirano un sospiro di sollievo, la prima prova è andata, ma preoccupa di più la seconda prova: “Domani tocca a psicologia per noi - dice Marta Simionato- poi lunedì la terza prova con inglese, francese, matematica e igiene”.

Bene anche al Duca degli Abruzzi, Filippo Vianello della V° linguistico, è ottimista “poteva andare peggio”. “Le tracce erano fattibili, i temi di attualità. Io ho scelto il saggio breve sulla creatività”.”

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×