21/01/2022poco nuvoloso

22/01/2022velature lievi

23/01/2022sereno

21 gennaio 2022

Treviso

Mense scolastiche, a Treviso 90mila euro di pasti non pagati

Irregolarità per circa 1300 alunni che utilizzano il servizio mensa, il Comune: "Troppe famiglie non si sono iscritte al portale informatico del servizio mensa"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

mense scolastiche

TREVISO - Novantamila euro di pasti non pagati. E’ questo il debito complessivo delle famiglie verso il comune per pasti non pagati del servizio mensa dei figli. La ditta Euroristorazione, affidataria della concessione del servizio di ristorazione nelle mense delle scuole dell’infanzia, elementari e medie statali del territorio comunale di Treviso, ha rilevato che alcune famiglie, nonostante i solleciti, non hanno iscritto i propri figli al portale del servizio mensa pur usufruendo del pasto quotidiano, che il Comune copre per le famiglie in difficoltà, mentre altre non pagano la quota dei pasti dei figli che frequentano regolarmente il servizio.

“In particolare - spiega il Comune - sono stati registrati 52 alunni non iscritti al servizio mensa ma frequentati il refettorio, 108 alunni usciti dalla scuola per termine del ciclo scolastico con debiti per pasti non pagati, 115 alunni sospesi dall’iscrizione al servizio mensa perché non hanno saldato i pasti degli anni scolastici precedenti ma sono iscritti all’anno scolastico 2021/2022. Infine, 1016 alunni regolarmente iscritti alla mensa ma con debito in accumulo, vale a dire utenti che stanno consumando i pasti e dovrebbero pagare e ricaricare il conto. Inoltre, è stata registrata un’irregolarità su alcune segnalazioni di assenza del figlio dal servizio mensa, risultate poi non corrispondenti al vero”.

Per questo il comune invita le famiglie che non lo avessero ancora fatto all’iscrizione al portale informatizzato del servizio mensa. “Il sistema informatizzato prevede infatti che il genitore segnali, al mattino con modalità on-line ed entro le ore 9, l’assenza del proprio figlio in mensa per malattia o altri motivi. In questo modo non gli viene addebitato il costo del pasto per quel giorno.

“Insieme alla ditta che eroga il servizio, abbiamo chiesto la collaborazione agli insegnanti e al personale delle scuole affinché segnalino alle famiglie le irregolarità suddette e le sollecitino a fare l’iscrizione o il rinnovo sul portale informatico”, afferma l’assessore all’Istruzione Silvia Nizzetto. “Non solo il perdurare delle situazioni di morosità costringe ad attivare azioni di recupero ma ha implicazioni da non sottovalutare dal punto di vista sanitario: la mancata segnalazione di patologie e allergie al Comune determina un potenziale pericolo per il proprio figlio”.

Per qualsiasi informazione o richiesta di chiarimento è possibile contattare Euroristorazione ai seguenti numeri: 0444-580699 o 0422-362277.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×